/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 22 agosto 2019, 10:54

Barillari (M5S) attacca la Ferrero: insorgono lavoratori e fan della Nutella

Il consigliere laziale pentastellato si scaglia sui social contro la multinazionale albese, invitando al boicottaggio. Decine le repliche in difesa dell'industria dolciaria, da sempre attenta al welfare aziendale

Barillari (M5S) attacca la Ferrero: insorgono lavoratori e fan della Nutella

Levata di scudi, sul mondo social, a contrastare il tweet pubblicato martedì 20 agosto dal consigliere regionale laziale Davide Barillari, eletto nelle fila del Movimento 5 Stelle. Bersaglio del politico pentastellato – già sotto i riflettori della cronaca per la sua personale crociata che vede la politica in contrapposizione alla scienza –, l’industria albese Ferrero, accusata di sfruttare i lavoratori. Da qui, l’invito del grillino a boicottare la multinazionale dolciaria, da anni ai vertici mondiali tra i brand che si contendono la migliore reputazione e affidabilità al mondo. Senza contare che – sul fronte dell’attenzione ai lavoratori – il welfare aziendale è da sempre uno dei fiori all’occhiello della Ferrero, con sostanziosi premi di produzione distribuiti ogni anno.

Nutella, buona. Poi scopri che il fatturato Ferrero è di 10,7 miliardi e condanna i lavoratori alla fame (15 euro al giorno di paga). Io non compro più nessun prodotto che calpesta i diritti dei lavoratori!”, aggiungendo hashtag che invitano al “consumo critico”, al “boicottaggio” e alla “responsabilità sociale”.

Non sono tardate le repliche, giunte a decine, da parte dei dipendenti stessi dell’azienda così come da numerosi Albesi, e dai fan della Nutella. C'è chi fa notare come 15 euro, moltiplicato per 22 giorni lavorativi, faccia 330 euro mensili. Cifra inferiore a quella promessa con il reddito di cittadinanza. Tra le repliche via social, anche quella "illustre" di Roberto Burioni, medico con il quale il consigliere a 5 stelle ha intrapreso una personale battaglia sul tema dei vaccini. “Barillari lascia perdere le balle sui vaccini e se la prende con la Nutella. Ha in odio tutto quello che migliora le nostre vite”.

Pietro Ramunno

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium