/ Politica

Politica | 12 settembre 2019, 14:42

Trasporti, Valle e Bonomo (Pd): "Gabusi sbaglia a dire no alla stazione Porta Canavese"

"Nei prossimi mesi lavoreremo ad una mobilitazione di sindaci, consiglieri regionali, associazioni di categoria e del territorio per far capire all’assessore che sta sbagliando"

Trasporti, Valle e Bonomo (Pd): "Gabusi sbaglia a dire no alla stazione Porta Canavese"

"L’assessore Gabusi ha risposto con un bel ‘no grazie’ alla mia interrogazione per sollecitare l’intervento della Regione a sostegno della realizzazione della stazione alta velocità di Porta Canavese – Monferrato – Valle d'Aosta", afferma con rammarico il consigliere regionale Daniele Valle (PD).

All’interrogazione di Valle, che chiedeva alla Regione quale preferisse fra le opzioni proposte dallo studio commissionato dalla precedente Giunta ad Rfi sulla realizzazione di nuove stazioni dell'alta velocità in Piemonte, l’assessore ha risposto che "occorre valutare attentamente, prima ancora della possibile o delle possibili ubicazioni, l’opportunità di promuovere la realizzazione di una nuova fermata AV, tenendo conto dell’alternativa di un potenziamento e riorganizzazione dei servizi che possa efficacemente servire i bacini di riferimento delle potenziali nuove stazioni AV in un’ottica di miglioramento complessivo del sistema".

"È evidente che quindi la scelta finale dell’assessore sia quella di non scegliere, aderendo all’esito dello studio e rinunciando ad una opportunità così importante per il territorio. Certo, finalmente abbiamo un po’ di chiarezza sulle loro intenzioni, ma mi pare assurdo lasciare inascoltate le richieste chiare, precise e pressanti che sono arrivate in questi anni da autorevoli rappresentanti dei territori», ribadisce Valle.

"La stazione Porta Canavese è più che mai fondamentale per il rilancio e la valorizzazione di un territorio troppo spesso dimenticato - aggiunge la deputata canavesana Francesca Bonomo (PD) - si tratta infatti di un'opera realizzabile con una spesa contenuta, che avrebbe però una ricaduta enorme. I turisti potrebbero raggiungere in poco tempo ad esempio Ivrea, da poco nominata patrimonio dell'Unesco; il parco nazionale del Gran Paradiso che ha visto recentemente l'arrivo di una tappa del Giro d'Italia; e il castello di Agliè, dov'è stata girata la famosa fiction Elisa di Rivombrosa".

"Siccome incaponirsi sull’opzione zero, ovvero nessuna stazione, ci sembra davvero ingiusto: pertanto nei prossimi mesi lavoreremo ad una mobilitazione di sindaci, dei consiglieri regionali valdostani, delle associazioni di categoria e del territorio per far capire all’assessore che sta sbagliando e che il Piemonte non vuole rinunciare a crescere", concludono Valle e Bonomo.

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium