/ Eventi

Eventi | 20 settembre 2019, 16:48

“Nonno Ascoltami! - L'Ospedale in piazza” arriva in Senato, in attesa di sbarcare a Torino

Dal 22 settembre al 20 ottobre: coinvolte 36 piazze e 16 regioni in Italia

“Nonno Ascoltami! - L'Ospedale in piazza” arriva in Senato, in attesa di sbarcare a Torino

Grande evento in Senato a Roma, per l’apertura ufficiale della X edizione di “Nonno Ascoltami! - l’Ospedale in Piazza”, Campagna nazionale per la prevenzione contro i disturbi uditivi, che da domenica 22 settembre a domenica 20 ottobre, porterà i controlli gratuiti dell’udito in 36 città e 16 regioni italiane.

Ospite d’onore dell’evento, che si è svolto nella splendida cornice della Sala dei Presidenti di Palazzo Madama, il giornalista Bruno Vespa, ambasciatore della campagna e da sempre vicino alla onlus “Nonno Ascoltami!” per la promozione delle attività di sensibilizzazione in materia di salute.

“La forza di Nonno Ascoltami! è proprio nel grande valore della prevenzione, soprattutto verso la fascia di popolazione più anziana - ha commentato Vespa. “Dieci anni di attività al servizio dei cittadini, un traguardo importante per la onlus abruzzese”.

Tanti i relatori d’eccezione intervenuti al Senato: il senatore Nazario Pagano, il giornalista Luciano Onder, il direttore generale prevenzione del Ministero della Salute Claudio D’Amario, il presidente della FIMMG Giacomo Caudo, il presidente della Siaf Elisabetta Genovese, il referente scientifico della onlus, Ettore Cassandro, il presidente ANAP Gianni Gruppioni e il testimonial Fabio Bosatelli.

“Un luogo scelto non a caso, il Senato - ha spiegato la presidente di Nonno Ascoltami!, Valentina Faricelli - perché come ci insegna la storia il Senato Romano fu la più autorevole assemblea istituzionale nell’Antica Roma, il cui significato era assemblea degli anziani e il cui consulto era necessario prima dell’approvazione di ogni legge. “Nonno Ascoltami! - Udito Italia Onlus” vuole partire proprio da questo esempio di saggezza per sottolineare l’importanza di mantenere un buono stato salute, ricordando il valore della prevenzione come compito che ogni cittadino responsabile ha nei confronti di stesso e della propria comunità”.

La decima edizione della campagna partirà il 22 settembre in numerose piazze tra cui Milano, Torino e Mantova. Il programma della campagna si snoda su 5 domeniche (fino al 20 ottobre) e coinvolge gli Ospedali di 36 città in 16 Regioni, con medici specialisti e tecnici dell’udito che per un’intera giornata sono a disposizione dei cittadini nelle piazze di riferimento. Anche quest’anno in alcune piazze oltre ai controlli dell’udito sarà possibile effettuare un esame vestibolare per identificare il rischio di patologie labirintiche che, insieme ad altre condizioni cliniche, possano portare al rischio di cadute.

 “Il nostro impegno - spiega Mauro Menzietti - è quello di avvicinare la sanità alla gente. Negli anni le nostre campagne sono cresciute enormemente, a dimostrazione che la gente ha bisogno di essere correttamente informata. L’udito è un senso molto importante, eppure, spesso viene sottovalutato; così ogni giorno rischiamo di comprometterlo con comportamenti scorretti. Infine, un’utile raccomandazione: è sconsigliabile ricorrere a soluzioni improvvisate o peggio al fai-da te. È sempre necessaria una visita dall’otorinolaringoiatra o dall’audioprotesista, i soli specialisti davvero in grado di individuare la causa della perdita uditiva e stabilire la soluzione più efficace».

L’OMS avverte che il 5% della popolazione mondiale vive con una perdita uditiva disabilitante e particolarmente a rischio sono gli adolescenti, tanto che sempre l’OMS sottolinea che entro il 2050 oltre 1 miliardo di giovani potrebbe causarsi danni permanenti all’udito per l’uso improprio dei dispositivi audio. In Italia oltre 7 milioni di persone hanno un disturbo uditivo (1 su 3 degli over 65); il 47% non ha mai effettuato un controllo uditivo; 24 miliardi di euro è il costo della perdita uditiva non trattata. C’è però un risvolto positivo: il 50% dei casi di ipoacusia potrebbe essere evitato con un’adeguata informazione ed educazione sanitaria.

Grazie a “Nonno Ascoltami! - Udito Italia Onlus” la sensibilizzazione sul problema raggiunge ormai moltissimi cittadini facendo conoscere meglio un disturbo grave ma nello stesso tempo superabile.

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium