/ Viabilità e trasporti

Viabilità e trasporti | 02 dicembre 2019, 19:00

Nuova Ztl, Appendino:"Pronta a passare alle vie legali contro la Regione"

Botta e risposta a distanza tra la sindaca e gli assessori Ricca e Tronzano. Marnati rincara la dose: "La nuova Ztl non ha nessun beneficio ambientale, ma un altro scopo"

Nuova Ztl, Appendino:"Pronta a passare alle vie legali contro la Regione"

Appendino pronta a passare alle vie legali contro la Regione Piemonte sulla nuova Ztl. Si alza il livello dello scontro tra la sindaca e la giunta Cirio, dopo l’annuncio degli assessori regionali Fabrizio Ricca e Andrea Tronzano di tagliare i fondi regionali al Comune se “Torino Centro Aperto” vedrà la luce.

La prima cittadina oggi in Sala Rossa ha infatti annunciato di voler procedere con “una formale diffida affinchè vengano rettificate le minacce: io ho il dovere di tutelare le risorse dell’ente”. La sindaca ha dato mandato all’ufficio legale di diffidare la Regione dall’attuare l’odg dei due esponenti della giunta di centrodestra, che chiede appunto di ridurre i trasferimenti regionali nel caso venisse attivata la nuova Ztl.

Il linguaggio di Ricca e Tronzano – ha aggiunto Chiara Appendino – non è rispettoso delle istituzioni che rappresentiamo. Le sue parole assessore Ricca sono una minaccia non a me e alla maggioranza, ma all’autonomia degli enti che rappresentiamo”. “E’ un precedente grave: è un abuso politico ed ho il dovere di tutelare l’ente” ha concluso la sindaca.

"La mia - ha replicato il capogruppo comunale della Lega Ricca non è una minaccia, ma una richiesta per sapere se questa è una misura di cassa o ambientale, perchè in entrambi i casi possiamo sederci insieme al tavolo e trovare una soluzione".  "L'abbiamo già dimostrato - ha aggiunto - con il Moi e i campi rom".

Poco prima, a margine della presentazione delle misure adottate nel 2020 dalla Regione per contrastare l'inquinamento, era stato l'assessore Marnati a ritornare sul tema Torino Centro Aperto: “Hanno proposto la chiusura della zona a traffico limitato, nonostante si sia visto come questo non porti alcun beneficio ambientale. Ha un altro scopo…”. Differente la visione dell'assessore Regionale circa la lotta allo smog: “Se parliamo di ambiente, noi abbiamo messo in campo iniziative chirurgiche per il bene della nostra qualità dell’aria”. Tra queste spicca l’incentivo a rottamare i diesel euro 0,1 e 2, a fronte dell’esenzione del pagamento del bollo dell’auto. Nel 2020, la Regione Piemonte intende investire 180 milioni di euro sul territorio per contrastare l’inquinamento. Della revisione della Ztl, da Palazzo Lascaris, nessuna menzione.

Cinzia Gatti e Andrea Parisotto

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium