/ Politica

Politica | 05 dicembre 2019, 14:24

Maccanti (Lega): ''Bene la disponibilità di Trenitalia a rivedere la questione dei collegamenti con Torino''

Questa mattina audizione di Trenitalia alla Commissione Trasporti della Camera. ''Ma sul trasporto locale i piemontesi pagano i disastri compiuti da Chiamparino''. Sul tema, anche gli interventi degli onorevoli Giacometto (FI) e Serrittella (M5S)

Maccanti (Lega): ''Bene la disponibilità di Trenitalia a rivedere la questione dei collegamenti con Torino''

“Grazie al pressing dei parlamentari e del territorio, Trenitalia prima di Natale aggiungerà due treni diretti sulla Torino-Venezia (che così salgono a 8) e si è impegnata a verificare con Rfi la presenza di ulteriori slot liberi sul nodo di Milano. In più, con il nuovo orario invernale sarà attivato un nuovo Frecciarossa nella tarda serata da Torino a Milano, aumenteranno da 34 a 38 i collegamenti fra Torino e Roma e da 17 a 28 fra Torino e Napoli. Si tratta di un primo segnale di attenzione positivo, ma che certamente non basta ancora. Vigileremo che Trenitalia prosegua su questa strada: il Piemonte non può rimanere indietro”.

È il commento della deputata della Lega Elena Maccanti, capogruppo nella Commissione Trasporti della Camera, al termine dell’audizione dell’amministratore delegato di Trenitalia Orazio Iacono, che si è svolta stamattina: sono stati infatti annunciati un aumento dei collegamenti da e per la città e un’attenuazione dei tagli sulla tratta per Venezia.

“Sul fronte del trasporto pubblico locale invece, grazie ai cinque anni di governo della Giunta Chiamparino e ai disastri del suo assessore Balocco, il Piemonte si ritrova fanalino di coda in Italia – continua Maccanti -. Lo hanno detto chiaramente questa mattina i vertici di Trenitalia alla Camera: grazie alla scelta della Regione Piemonte di effettuare negli anni scorsi un contratto a breve termine, l’azienda non ha potuto investire o programmare”.

“A questa situazione si è aggiunto il gran pasticcio combinato sul nodo di Torino – aggiunge Maccanti - Il risultato è che l’aggiudicazione è avvenuta solo a settembre e ad oggi il contratto non è stato firmato. Trenitalia, stamattina, si è detta disponibile a subentrare a Gtt la prossima estate e non a fine 2020, come sembrava in un primo momento. Purtroppo a pagare le spese di tutto questo sono i pendolari torinesi e piemontesi: abbiamo subito chiesto un’audizione in Commissione Trasporti dell’Agenzia della mobilità piemontese, in modo che venga a spiegare come stanno realmente le cose, con trasparenza”.

“Quanto emerso questa mattina nel corso dell’audizione di Trenitalia in Commissione Trasporti alla Camera è certamente un primo elemento positivo in merito al mantenimento di un servizio ferroviario ad alta velocità adeguato al nostro capoluogo regionale. Si tratta, pertanto, di vigilare affinché RFI e Trenitalia garantiscano con l’orario invernale i collegamenti da e per Torino, sia con Roma, sia con Milano, sia con le altre grandi città del nord, in modo che le parole espresse in un ambito istituzionale si traducano immediatamente in fatti”. Lo ha scritto in una nota il deputato piemontese di Forza Italia Carlo Giacometto.

«L’audizione dell’amministratore delegato di Trenitalia Orazio Iacono in Commissione Trasporti è stata un’ottima occasione per capire che il servizio dei treni da e per Torino non sarà sacrificato ma incrementato su diverse tratte. La Torino-Roma passerà da 34 collegamenti a 38, la Torino-Napoli da 17 a 28.  Saranno confermati i 58 collegamenti su Milano e ci sarà un incremento di 20 treni per e dalla Liguria. Solo una questione andrà risolta al più presto: la tratta Frecciarossa Torino-Venezia ridotta del 60 per cento a causa delle prescrizioni del gestore e della situazione di congestione su Milano. Una situazione che andrà analizzata e per la quale attendiamo risposte. Ma siamo nella direzione giusta, quella che prevede ascolto e servizio nei confronti dei cittadini che ambiscono a migliori condizioni e opportunità di trasporti».
Così ha dichiarato l’on. Davide Serritella del Movimento Cinque Stelle dopo il confronto di questa mattina con Trenitalia.

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium