/ Politica

Politica | 05 dicembre 2019, 20:27

Sopralluogo dell’assessore regionale Tronzano al santuario di Belmonte

Un nuovo percorso verso il recupero e la valorizzazione del sito patrimonio dell’Unesco

Sopralluogo dell’assessore regionale Tronzano al santuario di Belmonte

Questa mattina l’assessore regionale al Bilancio e al Patrimonio Andrea Tronzano ha effettuato un sopralluogo al santuario di Belmonte insieme al consigliere Mauro Fava per verificare di persona lo stato dell’arte dell’immobile storico. Prima della visita, si è tenuta una riunione in Comune a Cuorgnè con i funzionari della Regione a cui hanno partecipato anche il presidente dell’Unione montana Val Gallenca, Piero Rolando Perino, e il vice-sindaco cuorgnatese Laura Febbraro.

''Siamo all’inizio di un percorso che deve portare al recupero e alla valorizzazione del complesso di Belmonte. Un processo che non può prescindere da un coinvolgimento diretto degli attori locali, in primis l’Unione montana – commenta l’assessore Andrea Tronzano – La Regione garantisce il suo impegno in tal senso. Prima di tutto intendo incontrare la proprietà per analizzarne le intenzioni''.

''Partiamo da una base di 1 milione di euro accantonato dalla Giunta Chiamparino, al quale bisogna trovare un capitolo di spesa adatto per renderlo disponibile ad essere utilizzato in lavori di manutenzione e riqualificazione dell’area del santuarioIn tal senso voglio incontrare l’ente di gestione dei Sacri monti, perché l’allocazione delle risorse di cui dispone, stanziate dalla Regione, non mi pare soddisfacente: bisogna fare di più, anche alla luce dei danni ingenti provocati dall’ultimo incendio al patrimonio forestale''.

''Una cosa è certa. La presunta trattativa di acquisto sbandierata dal Pd prima del voto dello scorso giugno era ben lungi dall’essere vicina ad una conclusione. La verità è che il milione di euro stanziato dalla Regione targata Pd era solo un disperato tentativo di raggranellare qualche consenso a livello locale da parte di chi evidentemente era conscio della sua probabile sconfitta elettorale'', spiega Mauro Fava.

''Alla prova dei fatti, la somma messa a bilancio non era nemmeno utilizzabile, perché non c’era alcun accordo a livello locale, nonostante fosse indispensabile per concretizzare la compravendita. Si è trattato di una mera operazione di facciata sulla quale i democratici hanno provato a montare un’operazione propagandistica che però non ha alcun fondamento''.

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium