/ Politica

Politica | 14 febbraio 2020, 14:44

Scontri al Campus Einaudi, Ricca: "Aule occupate da centri sociali vanno liberate, subito tavolo con Prefetto e UniTo"

"Da queste aule, occupate da anni, partono le azioni violente che abbiamo visto in questi giorni. È l’ora di restituirle agli studenti"

Scontri al Campus Einaudi, Ricca: "Aule occupate da centri sociali vanno liberate, subito tavolo con Prefetto e UniTo"

“Chiediamo un tavolo a Prefetto e Rettore dell’Università degli Studi di Torino per studiare piano di liberazione di tutte le aule occupate in università da centri sociali”. È questa la richiesta che arriva dall'assessore regionale alla Sicurezza Fabrizio Ricca, dopo gli scontri che si sono verificati ieri sera e oggi al Campus Einaudi.

Le prime tensioni si sono registrati nel pomeriggio di giovedì, quando il Fronte universitario d'azione nazionale (Fuan) ha organizzato un volantinaggio per protestare contro un convegno ospitato all'università riguardante alcune teorie sulle foibe giudicate "revisioniste". Un episodio a cui stamattina è seguito un corteo di studenti antifascisti verso il Rettorato, durante il quale sono state tirate alcune uova contro le finestre. 

“Le violenze avvenute in ateneo in questi giorni - commenta Ricca _ci spingono a chiedere la convocazione di un tavolo da svolgersi in prefettura in cui chiederemo la presenza del Prefetto, del Questore e del Rettore di Unito per studiare una rapida strategia che porti alla liberazione delle numerose aule occupate nelle sedi dell’ateneo da parte dei violenti dei centri sociali".

"Da queste aule, occupate da anni, partono le azioni violente che abbiamo visto in questi giorni. È l’ora di restituirle agli studenti. L’Università sappia che tutte le istituzioni saranno al loro fianco per portare a termine questa operazione contro i prepotenti”, conclude l'assessore regionale alla Sicurezza.

Il suo collega di partito, il Vice Capogruppo della Lega in Regione Piemonte Andrea Cerutti ha chiesto, come già fatto da altri membri della maggioranza, di "revocare le borse di studio agli studenti violenti". 

"Torino - ha detto la parlamentare di FdI Augusta Montaruli - non può essere la città dell'odio e dell'estremismo. Per questo ho chiesto al ministero dell'Interno di convocare i parlamentari, il sindaco, il Prefetto e i vertici di polizia". 

Tommaso Varaldo, Coordinatore del movimento giovanile di Forza Italia a Torino e Consigliere Comunale a Chieri, ha invece sottolineato: “Il clima di violenza che si vive in ateneo negli ultimi giorni impone azioni concrete da parte delle Istituzioni. Fuori i violenti delle nostre università”.

Cinzia Gatti

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium