/ Cronaca

Cronaca | 25 febbraio 2020, 17:55

Precipita da un ponteggio in un cantiere a Carignano: grave un operaio di 31 anni

I sindacati: "Dobbiamo riflettere tutti su quanto è stato fatto e quanto si può ancora fare per evitare questi drammi"

Precipita da un ponteggio in un cantiere a Carignano: grave un operaio di 31 anni

 

Un operaio di 31 anni è precipitato stamattina da un ponteggio in un cantiere di Frazione Tetti Faule a Carignano. L'uomo, ricoverato presso il Cto, sarebbe grave ma non in pericolo di vita.

"Incidenti sul lavoro in questo settore accadono ormai quasi quotidianamente", dicono i segretari generali di Feneal Uil - Filca Cisl - Fillea Cgil di Torino, Claudio Papa, Gerlando Castelli e Marco Bosio. "Dobbiamo riflettere tutti su quanto è stato fatto e quanto si può ancora fare per evitare questi drammi, chiediamo a tutte le istituzioni territoriali e all’intero comparto più responsabilità e risorse per gli organi competenti alle ispezioni nei cantieri edili, per prevenire e non solo per contare le vittime e gli infortuni in tutto il sistema delle costruzioni".

"Le cause di questi infortuni, talvolta mortali, sono da ricercare in un sistema dove aumenta sempre più il lavoro grigio/nero e il dumping contrattuale, a totale discapito della regolarità anche per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro".

"Gli appalti al massimo ribasso, l'elusione e l’evasione contributiva dovuta alla Cassa Edile tramite l'applicazione di diversi contratti non congrui con i lavori svolti, ed il calo di attenzione nella prevenzione e nella cultura della sicurezza sul lavoro, aumentano costantemente la deregolamentazione del sistema e delle norme nella nostra Provincia".

"Questi infortuni - talvolta mortali - si possono evitare, ed è responsabilità di tutti impegnarsi al massimo, vanno rinnovate subito tutte le contrattazioni territoriali scadute con tutte le parti datoriali afferenti all’Edilizia, inserendo in essi regole chiare e norme stringenti in merito al rispetto dei contratti e delle norme sulla sicurezza. Non è più accettabile pensare che i lavoratori cadano vittima di tali infortuni, senza cause e responsabilità ben chiare".

 

redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium