/ Eventi

Eventi | 13 dicembre 2017, 19:23

Anticamera Teatro organizza quattro eventi nel quartiere San Donato

Si comincia con "Il proprio Ostile", in programma venerdì 15 dicembre alle ore 20.30

Anticamera Teatro organizza quattro eventi nel quartiere San Donato

Sono quattro gli appuntamenti della rassegna curata da Anticamera Teatro, con la direziona artistica di Marco Monfredini, che tenteranno di azzerare la distanza tra gli spettatori e la scena per un “teatro visto da vicino”.

L'accogliente e intimo circolo B-Locale, nuova realtà particolarmente attiva sul versante culturale del quartiere San Donato, ospiterà le serate. “Il proprio Ostile” è il titolo che fa da trait d'union ai quattro spettacoli che andranno in scena: vite avverse, ai margini, tormentate, che raccontano di situazioni ai limiti. Ogni storia propone in forma differente l'eterna lotta con il proprio ostile -che può manifestarsi nelle forme più enigmatiche- , e di come ognuno possa affrontarlo con il proprio stile per far nascere qualcosa di nuovo.

Si parte VENERDI 15 DICEMBRE alle 20.30 con  Silvia Mercuriati e Alessandra Cella che proporranno un interessante parallelo tra le vite di due apprezzate fotografe del '900 dalle curiose biografie con:


IL READING. LE STORIE DI DIANE ARBUS E VIVIAN MAIER


Le strade di New York, occhi pieni di vita, mani nodose, macchine, persone, mondi: le due street photographers americane si incontrano in una serata spettacolo che ne incrocia vite e sguardi, con parole, videoproiezioni, scatti, video d’epoca e canzoni live.


Si proseguirà il 27 gennaio con “La chiave dell'ascensore” di Anticamera Teatro, liberamente tratto dal testo di Agota Kristof dalla sintassi cruda e dalle parole essenziali, costruite attorno alla figura di una donna straziata alla quale rimane solo la voce per gridare al mondo la sua storia e denunciare i soprusi subiti.

Il 17 febbraio toccherà allo spettacolo “A scatola Chiusa|Andante cantabile con slancio” con Chiara Cardea e Silvia Mercuriati, un excursus tragicomico sullo stile inteso come ricerca del modo di stare al mondo. Due donne trascorrono le giornate chiuse in una scatola circondate dai loro idoli: Pasolini, Guccini, Montale, Maria Callas.

L' ultimo appuntamento della rassegna sarà il 17 marzo con “Happy old year”, monologo edito da Augh!edizioni a marzo 2017, di e con Marco Monfredini di Anticamera Teatro. E' capodanno, tutti festeggiano l'anno nuovo mentre il protagonista è a casa da solo, per scelta. Ascolta il rumore dei botti in lontananza, finché i suoi pensieri e le sue parole si fanno man mano serene. L'uomo osserva il suo ordine, la disposizione degli oggetti in casa e dei suoi desideri. Nessuno ora può più distrarlo, nessuno può più sentirlo.

c.s.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium