/ Cronaca

Cronaca | 09 aprile 2019, 18:40

Busta con polvere sospetta alla Lavazza, la Procura di Torino apre inchiesta

L'ipotesi di reato è tentata estorsione. Secondo i magistrati l'episodio però non sarebbe collegato con quello dei pacchi esplosivi indirizzati alla sindaca Appedino e al consigliere della circoscrizione 6 Sciretti

Busta con polvere sospetta alla Lavazza, la Procura di Torino apre inchiesta

A quattro giorni dall'invio di una busta contenente polvere sospetta alla Lavazza, in via Ancona, la Procura di Torino ha deciso di aprire un fascicolo di inchiesta.

L'ipotesi di reato è tentata estorsione, visto che il messaggio che accompagnava, scritto in un inglese definito 'buono' ma non da madrelingua, contiene l'intimazione a versare del denaro per evitare l'avvelenamento dei prodotti. Degli accertamenti si sta occupando la Digos.

Secondo i magistrati l'episodio non sarebbe però collegato con quello dei pacchi esplosivi indirizzati alla sindaca Appedino e al consigliere della circoscrizione Sei Sciretti.

m.d.m.

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium