/ Attualità

Attualità | 14 luglio 2020, 07:08

"Entro 15 giorni sia riaperta strada dei Ronchi": ultimatum alla casa pericolante di Cavoretto

Ieri sera un incontro nel campo di calcio della parrocchia tra i cittadini, l'assessore all'urbanistica Iaria e la Circoscrizione 8. La società Mayerling dovrà intervenire per la messa in sicurezza dell'immobile entro il 27 luglio

"Entro 15 giorni sia riaperta strada dei Ronchi": ultimatum alla casa pericolante di Cavoretto

Una scadenza improrogabile per la messa in sicurezza dell'edificio pericolante in strada dei Ronchi, con conseguente riapertura al traffico veicolare. E' quanto emerso dalla riunione di ieri a Cavoretto, nel campo da calcio concesso dalla parrocchia San Pietro in Vincoli, cui ha presenziato circa un centinaio di residenti. Al centro del dibattito, la chiusura della via che dal 3 luglio tiene in scacco la mobilità del borgo. 

"Entro quindici giorni la società Mayerling dovrà costruire un ponteggio che tenga su la facciata dell'immobile ora a rischio crollo", ha spiegato l'assessore all'urbanistica Antonino Iaria, intervenuto su invito della Circoscrizione 8. Il countdown è iniziato giovedì 9 luglio, giorno in cui è stata emessa dal Comune un'ordinanza contenente anche un excursus storico sulle annose dinamiche di piazza Freguglia, su cui si affaccia il palazzo, dal 2013 a oggi. 

Escludendo i sabati e le domeniche, allo scoccare del 27 luglio l'intervento dovrebbe dirsi concluso, in concomitanza con la riapertura immediata di strada dei Ronchi. In aggiunta, sarà installato un semaforo per consentire la viabilità alternata dei mezzi.

"E' un atto pubblico - ha precisato Iaria - che impone alla proprietà una scadenza precisa per la realizzazione di una struttura metallica di sicurezza. Abbiamo avuto due già due incontri con i tecnici, ora dovrebbe partire l'iter per la presentazione della proposta da parte dell'ingegnere incaricato dalla società stessa. Se questa non dovesse ottemperare all'impegno preso, la Città dovrebbe poi ricorrere al piano B, aprendo un contenzioso per vie legali".

"Giorno per giorno - ha rassicurato infine l'assessore - monitoreremo l'avanzamento dei lavori". Intanto, Manlio Collino della Mayerling, invitato all'incontro dalla Circoscrizione 8, ha ritenuto più opportuno non essere presente, data il clima di forte tensione. 

"Quell'edificio andrebbe demolito", lamentano i residenti, che hanno sotto gli occhi un cantiere interminabile da diversi anni. "I mezzi di soccorso non possono passare dalla strada chiusa e devono fare un giro più lungo: non ci sentiamo sicuri", aggiungono. "Se la proprietà dovesse impugnare l'ordinanza - ha detto poi un giovane avvocato, residente di Cavoretto, presente alla riunione - come comunità vorremmo costituirci parte civile". 

Il prossimo appuntamento con gli abitanti del borgo è stato fissato per lunedì 20 luglio, alle ore 18, sempre nel campo della parrocchia, dal presidente della Circoscrizione 8 Davide Ricca e il vice Massimiliano Miano, che ha anche proposto di organizzare un momento di presentazione, con la Mayerling, sui futuri step che porteranno alla riqualificazione dell'edificio. 

Manuela Marascio

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium