/ Politica

Politica | 30 luglio 2020, 13:15

Regione: "In Piemonte tamponi rapidi per gli stranieri che hanno urgenza di tornare al lavoro"

L'assessore Marrone a confronto con i consoli stranieri per scongiurare il pericolo di "contagi di ritorno":"Quarantena per chi rientra dai paesi a rischio, ma con possibilità di effettuare immediatamente il test"

Regione: "In Piemonte tamponi rapidi per gli stranieri che hanno urgenza di tornare al lavoro"

In Piemonte tamponi rapidi per i lavoratori stranieri che hanno urgenza di tornare alla propria occupazione. E’ questa la proposta su cui sta lavorando la Regione per permettere a colf e badanti provenienti dall’Est, così come raccoglitori stranieri di frutta e verdura di rientro dall'estero, di poter tornare a svolgere la propria mansione velocemente e in sicurezza.

Un’idea, come spiega l’assessore regionale alla Semplificazione Maurizio Marrone, “per rassicurare in primo luogo il mondo dell'agricoltura, che ha espresso legittime preoccupazioni su iniziative che possano ostacolare la stagione già penalizza dal Covid".  Questa mattina Coldiretti ha annunciato di aver scritto una lettera al Ministero della Salute, spiegando come fosse ormai allarme nelle “campagne italiane, dove occorre da subito dare la possibilità alle aziende agricole di effettuare i tamponi ai lavoratori stranieri per salvare i raccolti e l'imminente vendemmia messi a rischio dalla chiusura delle frontiere per la pandemia”.

In questi giorni Marrone ha avviato un confronto con i consoli stranieri per scongiurare il pericolo di un "contagio di ritorno" in Piemonte. Domani è previsto un nuovo faccia a faccia, come spiega l’esponente di Fratelli d’Italia, “per analizzare la situazione attuale e individuare soluzioni condivise. Dal governo, infatti, non abbiamo ancora ottenuto chiarezza sui protocolli per i cittadini stranieri che rientrano dall'estero”.

Per questo la Regione sta valutando di elaborare delle proprie linee guida con “quarantena per tutti gli stranieri che rientrano da paesi a rischio, ma con la possibilità di effettuare immediatamente il tampone in caso di motivate urgenze lavorative, liberandosi così anticipatamente dall’isolamento volontario”. “Una misura razionale e di semplificazione che permetterà di tutelare la salute pubblica, velocizzando però le procedure e permettendo un rapido rientro a lavoro" conclude Marrone.

Cinzia Gatti

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium