/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 15 ottobre 2020, 15:45

Crisi e Covid, Uilm: "Pronti a rinunciare all'aumento dei salari se non ci saranno licenziamenti per tre anni"

Dopo l'appuntamento della Fim di ieri, secondo giorno di confronto a Torino sul settore dei metalmeccanici. Benaglia (Fim): "Non possiamo aspettare il vaccino per fare il contratto nazionale, serve per fare ripartire l'industria e tutelare il lavoro". Palombella (Uilm): "Federmeccanica e Confindustria modifichino le loro pregiudiziali"

Crisi e Covid, Uilm: "Pronti a rinunciare all'aumento dei salari se non ci saranno licenziamenti per tre anni"

"Rinunciare agli aumenti salariali se, in cambio, non ci saranno licenziamenti per i prossimi tre anni". E' la proposta arrivata oggi a Torino, in occasione dell'attivo di Uilm, per voce del segretario generale UilmRocco Palombella. Dopo la riunione di mercoledì della Fim-Cisl, infatti, il giorno successivo è stato il turno dei metalmeccanici della Uil, sempre presso il centro congressi del Sacro Volto. Sul tavolo, ovviamente, uno dei temi più caldi in questo autunno che - oltre alla crisi - deve fare fronte anche a una nuova ondata di Coronavirus. Il rinnovo del contratto nazionale del lavoro, vertenza che già la scorsa settimana ha generato una serie di scioperi spontanei in molte fabbriche di Torino e provincia. E che vedrà il 5 novembre l'astensione dal lavoro su scala italiana.

"La trattativa non va politicizzata con l'intervento del governo - ha aggiunto Palombella -, piuttosto i ministri dovrebbero occuparsi di risolvere quelle vertenze che possono costare decine di migliaia di posti di lavoro".

"Abbiamo bisogno di un contratto che faccia partire l'industria metalmeccanica e tuteli il lavoro - aveva dichiarato nel suo intervento di ieri Roberto Benaglia, segretario generale della Fim -. Non possiamo aspettare il vaccino per fare il contratto nazionale. Deve essere un autunno di risultati, dopo il 5 novembre bisogna riprendere le trattative".

Ma rimanendo sul territorio, proprio Benaglia ha sottolineato come la buona notizia di questi giorni sia "la sospensione a Mirafiori dopo 13 anni degli ammortizzatori sociali. Non bisogna sedersi sugli allori. Bisogna evitare una francesizzazione di Stellantis". 

E a distanza di 24 ore su questi temi è poi tornato anche Rocco Palombella. "È necessario che Federmeccanica e in questo caso anche Confindustria modifichino le loro pregiudiziali - ha detto il segretario generale di Uilm -. Nell'ultimo incontro del 7 ottobre Federmeccanica ha posto delle condizioni che sono inaccettabili per la prosecuzione del confronto".
Proprio Federmeccanica però ha abbandonato il tavolo, mentre "nonostante ciò noi - ha proseguito Palombella - non abbiamo abbandonato il tavolo, abbiamo continuato responsabilmente a partecipare agli incontri che erano in programma: quella di Federmeccanica è stata una decisione grave, anche rispetto alla situazione che vive il settore dei lavoratori metalmeccanici".

Massimiliano Sciullo

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium