/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 29 novembre 2020, 20:30

La Giornata del Contemporaneo sta per celebrare l'arte moderna anche online

Sabato 5 dicembre avrà luogo uno degli appuntamenti annuali più importanti per la nostra cultura e l’Arte. Stiamo parlando della sedicesima edizione de La Giornata del Contemporaneo

La Giornata del Contemporaneo sta per celebrare l'arte moderna anche online

Sarà un evento davvero articolato e importante per il settore, in termini di organizzazione, all’insegna dell’Arte e della trasmissione dell’amore per la cultura contemporanea, appunto, attraverso soprattutto le immagini, ma questo non esclude un’esperienza sensoriale più che completa. Tutto mentre il teatro è in ginocchio, ma voglio pensare positivo promettendo spettacoli gratis appena sarà possibile.

Chiunque potrà scegliere di partecipare liberamente semplicemente entrando nel portale di AMACI (Associazione dei Musei d’Arte Contemporanea Italiani) che ha organizzato l’evento con il sostegno della Direzione Generale Creatività Contemporanea del MiBACT (Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo) e in collaborazione con il Ministero per gli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.

In genere, per le altre edizioni quantomeno, era sempre stata scelta una data che cadesse di sabato, ma che fosse ricompreso all’interno di un fine settimana di ottobre. Quest’anno non soltanto si dovranno cambiare le modalità di fruizione e partecipazione all’evento, ma pure la data di apertura è slittata notevolmente, a causa della diffusione del Covid-19 tra la popolazione e delle ultime normative decretate per la sicurezza del Paese.

In ogni caso, come al solito, la Giornata avrà come centro nevralgico e tematico l’Arte contemporanea, nella forma di opere di gran pregio, non sempre di immediata comprensione per i tanti osservatori che sono più abituati alle arti figurative classiche. Una nota peculiare degli artisti dei nostri tempi è quella di saper essere talvolta molto protettivi, ottenendo profonde riflessioni. O si odia o si ama.

L'interior designer Luca Angeli che scrive per Utileincasa dichiara che “Gli interni aerodinamici ed eleganti di design moderno spesso lasciano spazio a una bella collezione di opere d'arte. Le camere eclettiche possono anche beneficiare di accattivanti opere d'arte contemporanea. Inoltre, le camere di transizione presentano spesso arte moderna poiché questo design unisce tradizione e contemporaneità, soprattutto con grandi stampe e foto da appendere alle pareti e divani e sedie dalle linee ispirate dal minimalismo o dalla pop art”.

La Giornata del Contemporaneo, giunta quest’anno alla sua 16ª edizione, si rivolge tradizionalmente ad un pubblico molto eterogeneo: galleristi, artisti affermati o più semplicemente studenti delle accademie, semplici curiosi e appassionati investitori alla ricerca del prossimo Andy Warhol. Solitamente, si tratta di progetti laboratoriali, in grado di coinvolgere direttamente i fruitori ma, in questo contesto, ovviamente, è stato necessario variare il format, prediligendo il canale telematico.

Saranno coinvolti 19 artisti di altrettanti Musei AMACI, con altrettante opere proposte da Paola Angelini (Ca’ Pesaro), Meris Angioletti (GAMeC), Barbara and Ale (PAC), Cristian Chironi (Museion), Comunità Artistica Nuovo Forno del Pane (MAMbo), Andrea Facco (GAM Verona), Giovanni Gaggia (Musma), Barbara Gamper (Kunst Merano), Silvia Giambrone (Museo del Novecento), Andrea Mastrovito (Palazzo Faroni), Marzia Migliora (MA*GA), Nunzio (ICG), Nicola Pecoraro (MACRO), Luca Pozzi (FMAV), Alessandro Sambini (Mart), Marinella Senatore (Centro Pecci), Francesco Simeti (MAN), Justin Randolph Thompson (Madre), Emilio Vavarella (MAXXI).

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium