/ Politica

Politica | 30 novembre 2020, 20:37

L'accusa di Magliano (Moderati): "Pedonalizzazione in via San Francesco da Paola, il danno e la beffa"

"Ciclabile di via Nizza, intervenire prima che i bambini si facciano male"

L'accusa di Magliano (Moderati): "Pedonalizzazione in via San Francesco da Paola, il danno e la beffa"

"Si è presa una settimana in più per rispondere, l'Assessora Lapietra: un tempo non sufficiente, evidentemente, per mettere insieme una risposta convincente. Futuro della pedonalizzazione? “Vedremo”. Così è, se vi pare", attacca Silvio Magliano, capogruppo dei Moderati in Consiglio comunale.

"Mi chiedo secondo quale criterio sia stato approvato un progetto che appare davvero senza senso. Un paio di esempi: in via Des Ambrois un'officina è stata costretta a spostarsi per non restare esclusa cioè dal tratto percorribile dai veicoli e dunque dalla possibilità di portare avanti l'attività; ora il gestore paga doppio affitto (senza aver ricevuto dall'Amministrazione neanche l'ombra di una proposta di compensazione): chissà come avrà preso la notizia della riapertura di quel tratto di strada".

"Mi chiedo inoltre se questa Giunta si renda conto di che cosa significhi trovarsi dall'oggi al domani su una via pedonalizzata per un'attività che si occupa di spedizioni e logistica: altro caso puntuale e reale, quello di Mail Boxes Etc di William Casto. Questa Giunta prenda atto che questo tentativo è fallito da tutti i punti di vista. Non è più tempo di negare l'evidenza. Diverse attività commerciali hanno subito ingenti cali di fatturato (fino al 50%, secondo certe stime) dovuti alla pedonalizzazione, come se non bastasse l’emergenza da Covid-19".

"Pedonalizzazione significa, si stima, circa 70 posteggi in meno. Ricadute ambientali positive? Di fatto, nessuna, perché il traffico si riversa sulle strade vicine. Le 750 firme raccolte per chiedere la riapertura al traffico dimostrano che i cittadini hanno capito perfettamente che questa pedonalizzazione non ha senso. Chissà quanto tempo ancora servirà perché ci arrivi anche l'Amministrazione".

Poi Magliano affronta un altro tema: "La 'furia ciclabile' dei Cinque Stelle dipinge di vernice gialla le nostre strade e fa sbocciare ovunque ciclopiste, spesso tutt'altro che sicure. Succede anche sulle vie già dotate di percorsi per biciclette e monopattini: esempio pratico, via Nizza. Al civico 27/F di questa arteria cittadina si trovano le Scuole Bonacossa e Fregonese. Facile immaginare la quantità di persone presenti sul marciapiede nelle ore di entrata e di uscita delle bimbe e dei bimbi (sono circa 200 a frequentare le classi della Scuola dell’Infanzia e della Scuola Primaria)".

"Sull’adiacente pista ciclabile sfrecciano talora a velocità folle, come da me verificato personalmente, biciclette e monopattini. A centro strada accelerano le auto dopo lo stop al semaforo di largo Marconi. Le situazioni di pericolo sono all'ordine del giorno. Ho portato il tema all'attenzione della Giunta con un'interpellanza, chiedendo alla Giunta Appendino interventi finalizzati a rallentare la velocità, in quel tratto di strada, sia dei veicoli a motore sia di biciclette e monopattini".

"La Giunta ha risposto promettendo bande ottiche e segnaletica orizzontale e verticale, oltre al limite di velocità a 30 chilometri l'ora per le auto. Mi auguro che possa trovare accoglimento anche l'ipotesi di collocare una piattaforma rialzata per mettere in sicurezza l'attraversamento pedonale. Soprattutto, mi auguro che tutte le misure siano messe in atto in fretta e che nel frattempo non capiti nulla a bimbi e adulti", conclude Magliano.

"La mobilità alternativa è un'ottima cosa finché non è lesiva della sicurezza altrui. E in ogni caso è più facile accompagnare i figli a scuola in auto che in monopattino".

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium