/ Attualità

Attualità | 24 gennaio 2021, 15:58

E-commerce e consegna della spesa in bici, l'idea di due giovani torinesi per Porta Palazzo

Si chiama Mercato Itinerante la start up fondata da Andrea Scalogna ed Eman Saffo: attiva da aprile 2020, dà la possibilità agli utenti di acquistare online e vedersi recapitare i prodotti a domicilio

Start up mercato itinerante a Porta Palazzo

Il Mercato itinerante

Esorcizzare la crisi, ulteriormente aggravata dalla pandemia di Covid-19, con creatività e determinazione? Si può! Un esempio concerto è quello rappresentato da Andrea Scalogna ed Eman Saffo, i due giovani torinesi ideatori della start up Mercato Itinerante.

L'idea è semplice quanto innovativa: creare un e-commerce di prodotti orto-frutticoli e alimentari provenienti da Porta Palazzo per poi recapitarli a domicilio: “Fino a pochi anni fa – spiegano Andrea ed Eman – eravamo clienti abituali ma, per la mancanza di tempo dovuta a sopraggiunti impegni di lavoro, siamo stati costretti a ripiegare sulla grande distribuzione perdendo di qualità e spendendo di più. Credendo nel mercato, per far sì che raggiungesse sempre più persone migliorandone la competitività abbiamo sviluppato questo sistema che permette di averlo direttamente a casa. Il nostro obiettivo è quello di offrire un servizio alla città rispettando le esigenze di tutte le parti”.

La piattaforma Mercatoitinerante.it è attiva da aprile 2020 e, al momento, ha coinvolto 25 banchi per un totale di circa 2500 prodotti disponibili: “Replichiamo online – proseguono i due – quello che avviene in piazza: ogni banco gestisce una vetrina dove poter esporre la merce, fare offerte, verificare le disponibilità e visualizzare gli ordini minimizzando gli sprechi; ai nostri venditori offriamo una piena assistenza digitale e informatica. Il cliente, oltre a decidere cosa acquistare e da chi, ha anche la possibilità di selezionare determinate caratteristiche dei prodotti come il grado di maturazione, il taglio della carne, la sfilettatura del pesce o il confezionamento sottovuoto”.

Oltre a creare un ponte tra domanda e offerta, il progetto del Mercato Itinerante si dimostra all'avanguardia anche per il rispetto dell'ambiente: “La sera prima della consegna – concludono - il sistema assegna gli articoli ordinati ai vari fornitori. Il giorno seguente li ritiriamo per poi recapitarli ai clienti grazie alle cargo-bike condotte direttamente da noi e da alcuni rider staccatisi dalle grandi società che lavorano a chiamata. Lavoriamo molto anche sul trasporto, sulla differenziazione dei prodotti per evitare contaminazioni e su una riduzione del packaging: l'utilizzo delle polibox, a proposito, ci ha permesso di risparmiare più di 4500 sacchetti di plastica in pochi mesi”.

Nonostante il buon successo ottenuto finora, Andrea ed Eman non hanno intenzione di fermarsi qui e, per il futuro, annunciano l'intenzione di crescere ulteriormente per mettere a disposizione dei cittadini sempre più prodotti provenienti da un numero sempre maggiore di banchi e negozi, allargandosi anche ad altre categorie merceologiche come i casalinghi e coinvolgendo nuove parti di mercato.

Marco Berton

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium