/ Politica

Politica | 09 aprile 2021, 14:28

Al via la fase finale del Piano urbano della mobilità sostenibile

Venerdì 16 aprile l’incontro con le Zone omogenee metropolitane e le Circoscrizioni di Torino

Al via la fase finale del Piano urbano della mobilità sostenibile

Parte la fase finale della messa a punto del Piano urbano della mobilità sostenibile (Pums), quella definita come orienteering strategico, rivolta ai rappresentanti e ai sindaci delle Zone omogenee, oltre che ai presidenti delle Circoscrizioni torinesi. Tre le tappe previste, con obiettivi differenti, ma tra loro complementari.

La prima, intitolata “Verso l’adozione del Piano. Il lavoro svolto e gli scenari esplorativi” si terrà venerdì 16 aprile dalle 14 alle 17 su piattaforma Zoom. L’incontro è volto a favorire la conoscenza dello stato di avanzamento del processo di redazione ed elaborazione dei diversi scenari esplorativi del Pums e della relativa rispondenza alle istanze emerse dal percorso partecipato.

Seguirà, immediatamente dopo, un ciclo di incontri tematiciper raccogliere osservazioni, spunti e suggerimenti in relazione alla costruzione dello scenario di piano, che dovrà contenere un mix degli interventi previsti all’interno dei differenti scenari esplorativi. Infine, nella prima decade di maggio, si terrà un incontro finale volto a presentare lo scenario definitivo che sarà adottato dalla Sindaca metropolitana e successivamente sottoposto alla consultazione prevista per l'approvazione.

Il Pums, previsto dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per le Città metropolitane e per le aree con più di 100.000 abitanti, è finalizzato a migliorare l'accessibilità del territorio ponendo al centro i bisogni di mobilità delle persone e integrando i diversi modi di trasporto, risolvendo i nodi critici della viabilità e del trasporto pubblico, migliorando la sicurezza della circolazione. Proprio la Città metropolitana è l’ente competente per la sua redazione e approvazione.

Si tratta in sintesi di un vero e proprio piano strategico di medio e lungo termine che dovrà essere aggiornato ogni cinque anni, essere coerente con la pianificazione territoriale, perseguire obiettivi di sostenibilità ambientale, sociale ed economica. Grazie al confronto tra tutti i rappresentanti del territorio metropolitano è destinato a migliorare la mobilità e i trasporti.

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium