/ Cultura e spettacoli

Cultura e spettacoli | 02 maggio 2021, 19:00

Doppia mostra a CAMERA: dal glamour di Horst alla street photography di Model [FOTO]

Attivi a Parigi entrambi sin dagli anni '30, hanno influenzato intere generazioni di fotografi. Oltre 280 scatti selezionati, fino al 4 luglio

camera

A CAMERA doppia personale dedicata a Model e Horst

E' nel solco dei grandi omaggi ai fotografi del XX secolo che si inserisce la doppia personale in mostra a CAMERA - Centro Italiano per la Fotografia, riaperta al pubblico da pochi giorni. Protagonisti Lisette Model e Horst P. Horst, fino al 4 luglio. Ironica e dissacrante street photographer lei, icona della moda lui, sono stati ispiratori di intere generazioni di artisti, vivendo "una delle stagioni culturalmente più feconde del Novecento - ricorda il direttore di CAMERA, Walter Guadagnini -in bilico tra l'esaltazione della modernità, il ritorno alla classicità e il baratro delle dittature e della guerra. Una proposta volutamente ricca e sorprendente".

Nonostante l’avvicinamento al mondo della fotografia inizi per entrambi a Parigi negli anni Trenta, il loro atteggiamento nei confronti dei soggetti ritratti è totalmente opposto: se per l’autrice austriaca i soggetti ritratti diventano caricature di sé stessi, emblema di una società goffa e decadente, per il maestro tedesco le proprie modelle rappresentano un’eleganza senza tempo, dai richiami classici e dalla bellezza statuaria. 

La mostra dedicata a Model, a cura di Monica Poggi, è la prima antologica realizzata in Italia. Con una selezione di oltre 130 scatti, ripercorre la sua carriera tra gli anni Cinquanta e Sessanta, a partire dalla Francia, esaltandone l'anima eversiva, la voglia di osare cogliendo, con ironia e sfrontatezza, gli aspetti più grotteschi della società americana. Le inquadrature ravvicinate, l’uso ricorrente del flash, i contrasti esasperati sono tutti espedienti che mirano ad accentuare le imperfezioni dei corpi, gli abiti appariscenti, la gestualità sguaiata. Il risultato è un'opera che trasuda vitalità.

Sono 150, invece, le fotografie selezionate dal curatore Giangavino Pazzola per raccontare la parabola creativa di Horst: dai primi successi con “France Vogue” nell'Europa tra le due guerre (1931-1939), passando per l’affermazione negli States, dove cui ottiene la cittadinanza (1943), fino ad arrivare al termine del percorso professionale negli anni Ottanta. 

La prima sezione mostra il rapporto natura-cultura, il ritratto ambientato e la grande cura del dettaglio, elementi riscontrabili sia nelle fotografie nelle quali immortala il milieu intellettuale della Parigi degli anni Trenta sia negli autoritratti e nelle nature morte. Nella seconda trovano spazio le opere realizzate durante la fase parigina e quella newyorchese, periodi molto prolifici, influenzati dal romanticismo e dal surrealismo, durante i quali realizza immagini iconiche quali Mainbocher Corset, Paris, 1939, e Hand, Hands, New York, 1941.

Infine, un focus viene dedicato all’Italia, con l’appartamento romano dell’artista Cy Twombly, adornato di proprie opere e sculture classiche, e con il fascino senza tempo della tenuta di Villar Perosa, all’interno della quale posa un’elegantissima Marella Agnelli. 

Manuela Marascio

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium