/ Sport

Sport | 08 luglio 2021, 17:30

Il Toro riparte da Juric: "Tanta voglia di fare bene ma non parliamo di obiettivi"

Il nuovo tecnico, dopo due stagioni importanti a Verona, chiamato a risollevare una squadra in crisi: "Unione d'intenti con Cairo. Belotti? Sceglierà lui se restare". Sirigu ai saluti, Milinkovic-Savic sarà il titolare

cairo e juric

Il Toro riparte da Juric: "Voglia di fare bene ma non parliamo di obiettivi" (immagine tratta da torinofc.it)

Nel giorno del primo allenamento al Filadelfia, che ha dato il via ufficiale alla stagione 2021-22, dopo due giorni di visite mediche, tamponi e vaccini, il Toro ha presentato Ivan Juric. Il tecnico croato, dopo due stagioni brillanti a Verona, è chiamato a risollevare un ambiente depresso e in crisi, reduce da un biennio da incubo, tra sconfitte, delusioni e esoneri in serie degli allenatori.

Vietato parlare di obiettivi

"Quando fai due anni come il Toro, vuol dire che ci sono problemi vari: devi partire da questo, non devi illudere: si parte per migliorare e portare un calcio propositivo e aggressivo, facendo passi in avanti e adesso dire un obiettivo non ci sta": queste le prime parole del nuovo tecnico, che ha scelto di non sbilanciarsi e di non promettere nulla. "La rosa migliorerà, il direttore sportivo Davide Vagnati cercherà giocatori con queste caratteristiche per lavorare al meglio - ha aggiunto Juric - e vedo prospettiva, è uno stimolo per far crescere la società e migliorarsi. Sicuro che il presidente sarà presente, qui possiamo creare qualcosa: è ciò che mi ha spinto ad accettare".

Sirigu ai saluti, sarà Belotti a decidere il suo futuro

Sui portieri Juric ha già le idee chiare: “Milinkovic-Savic sarà il primo portiere, Berisha il secondo”. Sirigu, insomma, è pronto a salutare, come ha lasciato intendere lo stesso Cairo: "Forse ha delle ambizioni diverse, un desiderio diverso. Allora può essere giusto accontentarlo e dargli la possibilità di fare quello che ritiene meglio per lui". Su Belotti, invece, sarà il capitano a decidere cosa fare: "Valuterà lui, sceglierà lui se è il momento di cambiare, oppure se viene a dirmi che è il mio capitano e viene a fare la battaglia con me".

"E' un top player, ma negli ultimi mesi non mi è piaciuto - ha continuato il tecnico - e in generale ho notato da fuori un po' di saturazione e poca allegria: vogliamo prendere una strada e non c'è posto per gente che non sia contenta".

Cairo: "Unione d'intenti con l'allenatore"

"Non lo conoscevo personalmente, ho visto le sue stagioni al Verona e sono stati eccellenti: mi ha colpito con una conferenza, siamo contenti di averlo portato qui e ringrazio Nicola per il suo grande lavoro": così il presidente Cairo ha presentato il nuovo tecnico.

"C'era unione di vedute, anche nell'affrontare le cose - aggiunge il patron - ma c'era di mezzo il contratto con il Verona, che doveva dare disponibilità, e poi bisognava chiudere perché aveva tante richieste e non era scontato. La mia percezione era che ci fosse simpatia e avessimo intenti comuni". E così il flirt è diventato un matrimonio, con tanto di contratto triennale (a due milioni a stagione). Una cosa mai vista da queste parti.

"Non penso proprio di vendere il Toro"

"Non ho alcuna intenzione di vendere il Toro, l'arrivo di Juric mi ha rimotivato: già con Davide Nicola lo ero, ora ancora di più. Nessuna intenzione di vendere il Toro": così il presidente ha stroncato sul nascere ogni ipotesi legata ad una possibile cessione della società, magari anche all'interno della questione Blackstone (che ha chiesto un maxi risarcimento al patron di Rcs, ndr).

"Non ne vedo così tanta, di contestazione - aggiunge Cairo - e ci sta il malumore, anche perché avevamo fatto risultati che al Toro non si vedevano dagli anni Novanta: ma il Toro non era in serie A per dieci anni di fila dagli anni Ottanta". Ora l'obiettivo è mettere alle spalle le ultime due deludentissime annate.

Massimo De Marzi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium