/ Cronaca

Cronaca | 24 luglio 2021, 12:49

Latitante lascia la porta di casa aperta per il caldo afoso: riconosciuto e arrestato

L'uomo è stato sorpreso a dormire con la fidanzata dagli agenti della polizia

Polizia - immagine d'archivio

Polizia - immagine d'archivio

Da poche ore era stato emesso dal Tribunale Ordinario di Torino l’ordine di esecuzione per la carcerazione nei suoi confronti, per l’espiazione di 1 anni e 4 mesi di carcere per reati di natura sessuale. 

L’uomo, un quarantenne residente in Torino, si era però trasferito nella provincia da qualche mese e così non era più reperibile al vecchio indirizzo. I poliziotti dell’Ufficio del Commissariato Barriera Nizza preposto al controllo dei soggetti colpiti da misure di prevenzione, sicurezza e cautelari, al termine di una attività infoinvestigativa che si è avvalsa della consultazione di diverse banche date, anche della Regione Piemonte, lo ha rintracciato lo scorso sabato in un paesino della provincia. 

I poliziotti riscontravano l’assenza sul citofono dello stabile del cognome del ricercato ma riuscivano ad accedere ugualmente nel condominio. Una volta giunti all’ultimo piano, di fronte a quello che con ogni probabilità era l’alloggio della persona da arrestare, trovavano la porta d’ingresso socchiusa; nessuno rispondeva agli agenti, né si udivano rumori provenire dall’interno. Entrando con estrema cautela, i poliziotti hanno sorpreso il ricercato addormentato sul divano insieme alla fidanzata

L’uomo è stato condotto in Commissariato ed arrestato in esecuzione dell’ordine di carcerazione.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium