ELEZIONI REGIONALI
 / Attualità

Attualità | 29 novembre 2021, 14:27

Università: premiati gli atleti olimpici e paralimpici di Tokyo 2020 [FOTO E VIDEO]

Il karateka medaglia d’oro Busà: “Ok agli aiuti a ridosso delle gare, ma nessun vantaggio agli esami”

atleti universitari

Premiati gli atleti dell'Università di Torino protagonisti a Tokyo

L’Università di Torino ha premiato gli studenti che, da atleti, hanno partecipato ai giochi olimpici e paralimpici di Tokyo 2020. Nella Sala blu del rettorato hanno ricevuto una medaglia Luigi Busà, medaglia d’oro ai giochi olimpici nel karate, specialità kumite; Carlotta Gilli, 2 medaglie d’oro, 2 argenti e 1 bronzo ai giochi Paralimpici nel nuoto; Elisabetta Mijno, medaglia d’argento ai giochi paralimpici nella gara a squadre miste di Tiro con l’arco; Nicholas Mungai, Judo categoria -90 kg ai giochi olimpici; Federico Tontodonati, marcia 20 km ai giochi olimpici; Hillary Wanderson Polanco Rijo, atletica 4x100 m ai giochi olimpici. Sono stati premiati, inoltre, gli allenatori Francesco Bruyère e Salvatore Loria.

A fare gli onori di casa il vicerettore per il Welfare, la sostenibilità e lo sport, Alberto Rainoldi, accompagnato dal direttore generale Andrea Silvestri e dalla presidente del corso di laurea magistrale in Scienze dell’Educazione Motoria e delle Attività Avanzate, Emanuela Rabaglietti. “L’Ateneo è sempre più impegnato a garantire a queste eccellenze una doppia carriera, sia nella veste di studenti che in quella di atleti - ha spiegato Rainoldi - grazie anche al Cus Torino e al progetto Agon, abbiamo dato inizio alla Dual Career e, ad oggi, sono 60 gli studenti e le studentesse che ne fanno parte”.


Visibilmente emozionato Luigi Busà, il “Gorilla d’Avola” primo oro italiano nel karate. “Sport e studio possono andare benissimo di pari passo - ha detto il campione siciliano, che è iscritto a Scienze motorie - ben vengano gli aiuti, soprattutto a ridosso delle gare, ma sia chiaro che non vogliamo alcun vantaggio agli esami”. Sui progetti futuri, Busà dice: “Voglio pubblicizzare il karate, uno sport che ne ha bisogno. Dal punto di vista sportivo invece continuerò a combattere. A maggio ci sono gli Europei, a luglio i Giochi del Mediterraneo”. Sulla pandemia che continua a condizionare le vite di tutti, il karateka conclude: “In questo momento ci dobbiamo adattare a una vita diversa, con obblighi come quello della mascherina che ci danno fastidio. Non dobbiamo però cercare alibi, quanto sta accadendo è grave, ma serve affrontare la vita con più forza di prima e andare avanti”.

Marco Panzarella

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium