/ Sanità

Sanità | 25 gennaio 2022, 18:55

Covid, in Piemonte superato il traguardo dei 9 milioni di dosi di vaccino, ma a scuola dilagano focolai e quarantene

Sono state 42.376 le somministrazioni di oggi, 2703 le prime dosi. Contagi in calo, ma non in età scolastica. Per chi "salta" la vaccinazione per quarantena, arriva la nuova data dalla Regione

vaccinazione con puntura a un braccio

Superate le 9 milioni di dosi somministrate in Piemonte

Tagliato il traguardo dei 9 milioni di vaccini somministrati in Piemonte. Con le 42.376 persone che hanno ricevuto la propria dose oggi, dall’inizio della campagna si è proceduto all’inoculazione di 9.012.718 dosi totali.

In particolare, 2.703 persone hanno ricevuto la prima dose, 2.863 la seconda, 36.810 la terza, in queste 24 ore.

Complessivamente, le terze dosi finora somministrate sono 2.295.467.

L'incidenza nella popolazione adulta

Nella settimana dal 17 al 23 gennaio l’incidenza regionale (ovvero l’incremento settimanale di nuovi casi di Covid per 100.000 abitanti) è di 2170.7, in lieve diminuzione (-3,3%) rispetto ai 2243.7 della scorsa settimana.

Secondo gli epidemiologi è il segnale che si è entrati nel culmine dell'onda epidemica. Il dato è in linea con quanto accade nel resto del Paese ed in Europa.

L’incidenza della fascia di età 19-24 anni scende a 2.359 con una diminuzione del 26,3 % rispetto alla settimana precedente.

Nella fascia 25-44 anni l'incidenza è di 2878.9 (-5,8%). Tra i 45 ed i 59 anni si attesta a 2.070.8 (-12,7%). Nella fascia 60-69 anni l’incidenza è 1216.5 (-14,5%). Tra i 70-79 anni l’incidenza è invece di 824.5 (-11,9%). Nella fascia over80 l'incidenza è 780.1 (-6,3%).

Boom di focolai e quarantene tra i banchi

Dal monitoraggio condotto dalla Regione Piemonte, però, cattive notizie arrivano sul fronte scuola: nella settimana dal 17 al 23 gennaio, infatti, la situazione del contagio tra i banchi registra un notevole aumento dei focolai e delle quarantene, rispetto alla scorsa settimana, caratterizzata dalla riapertura delle scuole dopo il periodo delle festività di fine anno. Nel dettaglio, i focolai aumentano a 1486 da 227 : 39 nei nidi (età 0-2 anni), 185 nelle scuole dell’infanzia (3-5 anni), 614 nelle scuole primarie (6-10 anni), 287 nelle scuole secondarie di 1°grado (11-13 anni), 361 nelle scuole superiori (14-18 anni).Suddivisi su base provinciale, a Torino se ne contano 277 (7 nido, 37 infanzia, 140 primaria, 26 medie, 67 superiori), mentre altri 596 sono nella città metropolitana (5 nido, 71 infanzia, 190 primaria, 174 medie, 156 superiori).

Le quarantene aumentano invece a 3242, erano 912 la scorsa settimana: 117 nei nidi, 757 nelle scuole dell’infanzia, 1650 classi nelle scuole primarie, 341 classi nelle scuole secondarie di 1° grado, 377 classi nelle scuole superiori. Sono 455 a Torino città (8 nidi, 81 infanzia, 355 primarie, 9 medie, 2 superiori) e 1154 nella città metropolitana (22 nidi, 223 infanzia, 573 primarie, 169 medie, 167 superiori).

Il contagio in età scolastica

In età scolastica, nella settimana dal 17 al 23 gennaio, l’incidenza, ovvero i nuovi casi settimanali su 100 mila per le specifiche fasce di età, è in aumento, in particolare nelle classi di età da 0 a 5 anni per le quali non è prevista attualmente la vaccinazione. La fascia 3-5 anni registra un’incidenza di 4202.1 casi, con l'aumento maggiore (+91,9%). Nella fascia tra i 6 ed 10 anni si attesta a 4894.2 (+50,8%). Nella fascia 0-2 anni, l’incidenza è di 2083.2 nuovi casi (+ 40,1%).Nella fascia 11-13 anni, l’incidenza è di 4005.3 (+ 22,1%)Soltanto nella fascia tra i 14 ed i 18 anni si registra una diminuzione: l’incidenza è di 3191.9 (-10,9%).

Sulla platea complessiva di 313mila studenti dai 12 ai 19 anni, sono 261mila gli aderenti alla campagna vaccinale, ovvero l’83%. Di questi, oltre 255mila hanno ricevuto la prima dose (quasi il 98% degli aderenti e all’81,5% della platea potenziale). Sono invece oltre 243mila i giovani che hanno completato il ciclo (93,1% degli aderenti e il 77,6% della platea potenziale).

Sulla platea complessiva di 246mila bambini dai 5 agli 11 anni, sono circa 76mila ad oggi gli aderenti alla campagna vaccinale, ovvero circa il 30%. Di questi, 43.500 hanno già ricevuto la prima dose (circa il 60% degli aderenti). Tutti gli aderenti nella fascia 5-11 anni hanno già la convocazione per il vaccino entro il 7 febbraio.

Nel caso di bambini o ragazzi in isolamento o quarantena che in questi giorni non possono presentarsi agli appuntamenti previsti, la Regione riprogramma la somministrazione del vaccino immediatamente non appena usciti dal provvedimento contumaciale.

redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium