/ Eventi

Eventi | 20 maggio 2022, 10:29

‘Sette ponti resistenti’ con la memoria di Rocco Galliano

Domenica ritorna la passeggiata alla scoperta della Resistenza a Gran Dubbione

(Foto di repertorio)

(Foto di repertorio)

‘Sette ponti resistenti’, la passeggiata alla scoperta della Resistenza a Gran Dubbione tra racconti e canzoni, ritorna domenica 22 maggio.

L’iniziativa nasce durante il primo lockdown dalla collaborazione delle associazioni pinaschesi Cai e Pro Loco, Anpi Inverso e Pinasca e Costruire Cantando, per far conoscere e diffondere la storia e la bellezza del territorio del vallone di Gran Dubbione, imprimendo nella memoria dei partecipanti il valore morale dei luoghi della Resistenza e trasmettendone gli ideali. Rispetto alle precedenti edizioni, l’appuntamento si sposta dall’autunno alla primavera; anche quest’anno l’evento è patrocinato dal Comune di Pinasca e dalla Città Metropolitana di Torino.

L’appuntamento sarà alle 8 di domenica 22 maggio al Ponte Annibale a Dubbione, da dove parte l’antico sentiero che conduce a Gran Dubbione. La prima tappa del percorso sarà Tagliaretto, dove si arriverà verso le 9,30. In seguito si arriverà alla Cappella di Serforan, sul cui piazzale Costruire Cantando inizierà il racconto della storia del partigiano Rocco Galliano, che continuerà lungo il ‘Sentiero dei Sette Ponti’ che dà il nome alla manifestazione, per poi concludersi sullo spiazzo di fianco al cimitero di Serremoretto, a Gran Dubbione, con uno spettacolo articolato in canti, scene e letture.

A differenza delle precedenti edizioni, dove il fulcro dei racconti erano gli avvenimenti della stessa Gran Dubbione, quest’anno il protagonista è Rocco Galliano, partigiano originario di Pinasca, che fu un personaggio di spicco della Resistenza in Val Chisone. Dopo aver organizzato e coordinato un piccolo gruppo armato operante nel territorio di Gialetto, piccola frazione del comune di Pinasca, l’8 marzo del 1944 entrò a far parte della brigata Monte Albergian, operante in Val Chisone e nella zona pedemontana, al comando di Ettore Serafino, compiendo scontri armati e operazioni di sabotaggio contro le postazioni nemiche. Nel giorno di Natale del 1944 fu arrestato e sottoposto a sevizie e interrogatori nelle carceri delle Casermette di Rivoli, e rifiutata ogni collaborazione venne condannato a morte per rappresaglia contro il sabotaggio della ferrovia nel tratto Avigliana-Alpignano avvenuto nella notte del 22 febbraio. Il racconto, ricostruito per Costruire Cantando da Loredana Prot, si avvale, tra le altre fonti, della testimonianza dei parenti di Galliano, e fa parte delle narrazioni del libro ‘Memorie da salvare. Racconti di resistenza a Gran Dubbione e sulle montagne di Pinasca’ della stessa Prot, edito da LAR editore. L’epilogo, rappresentato nell’ultima tappa del percorso, sarà intervallato da canti tradizionali e moderni dai testi legati al trovare alternative alla guerra.

Per la camminata si consiglia di indossare scarponi e abbigliamento adeguato. Il rientro al punto di partenza sarà in autonomia al termine della manifestazione. In caso di maltempo lo spettacolo si terrà comunque – senza camminata – al ristorante La Beppa, nella borgata Rocceria di Gran Dubbione, con inizio alle 10.

A differenza delle precedenti edizioni, l’evento non sarà a numero chiuso e la prenotazione non è obbligatoria, anche se comunque consigliata. Entro il 20 maggio è anche possibile prenotare il pranzo convenzionato, al costo di 20 euro, del ristorante La Beppa. Per prenotare contattare il numero 392 1650923 in orario serale, o il 346 2119163.

Rosa Mosso

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium