/ Cultura e spettacoli

Cultura e spettacoli | 30 luglio 2022, 15:00

Il TorinoFilmLab approda al Lido di Venezia

Il laboratorio internazionale anche quest'anno è presente con registi e film in programma alla 79a Mostra del Cinema di Venezia

Il TorinoFilmLab approda al Lido di Venezia

Il TorinoFilmLab approda al Lido di Venezia. 

Anche quest’anno non mancano in programma alla Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia, la cui 79° edizione si svolgerà dal 31 agosto al 10 settembre, non solo film che hanno scelto di intrecciare il proprio percorso con il TFL, ma anche alumni e alumnae provenienti letteralmente da tutto il mondo che sono passati per Torino per partecipare al lab e ora stanno proseguendo la loro carriera cinematografica dando vita a nuove ed entusiasmanti storie.

La sezione ORIZZONTI, incentrata sui film rappresentativi di nuove tendenze estetiche ed espressive, include "Autobiography", opera prima dell’indonesiano Makbul Mubarak sviluppata all’interno del programma FeatureLab nel 2017. Un film politicamente importante, il primo che fa esplicitamente i conti con l’eredità lasciata dalla sanguinaria dittatura di Sukarno, che ancora pesa sulla vita sociale e politica dell’Indonesia.

Con il padre in prigione e il fratello all'estero per lavoro, il giovane Rakib lavora come governante in una villa vuota appartenente a Purna, generale in pensione. Dopo che Purna torna a casa per iniziare la sua campagna elettorale per il sindaco, Rakib si lega all'uomo, che vede come mentore e figura paterna. Quando un giorno il manifesto elettorale di Purna viene trovato vandalizzato, Rakib non esita a rintracciare il colpevole, dando il via a una catena di violenze in crescendo.

Nella medesima sezione anche "Blanquita", lungometraggio dell’alumnus TFL cileno Fernando Guzzoni. 

La line up di ORIZZONTI EXTRA propone in selezione un secondo film TFL: "Nezouh"della regista siriana Soudade Kaadan, già presente a Venezia nel 2018 con The Day I Lost My Shadow, in Orizzonti dove si è guadagnata il Leone del Futuro - Premio Luigi de Laurentiis per la miglior opera prima. Il film, sviluppato all’interno del programma Interchange nel 2013, è ambientato in Siria ed è un racconto allegorico dell’emancipazione di due donne - madre e figlia - che lasciano Damasco nonostante l’opposizione del padre.

Nella stessa sezione anche "Valeria is Getting Married", opera dell’alumna TFL israeliana Michal Vinik

Ancora un’incursione nella community di professionisti del TorinoFilmLab con il cortometraggio Fuori Concorso "Camarera de piso" dell’argentina Lucrecia Martel e il documentario Fuori Concorso "Bobi Wine Ghetto President" dell’australiano Christopher Sharp

La Giuria del Premio Venezia Opera Prima sarà quest’anno capeggiata dall’alumnus TFL Michelangelo Frammartino e assegnerà tra tutte le opere prime di lungometraggio presenti nelle diverse sezioni competitive della Mostra (Selezione ufficiale e Sezioni Autonome e Parallele), il Leone del Futuro – Premio Venezia Opera Prima “Luigi De Laurentiis”.

Inoltre, verrà proposto al pubblico nella cornice della Settimana Internazionale della Critica (SIC) "Anhell69" del colombiano Theo Montoy che ha lavorato al suo progetto all’interno del workshop intensivo TFL Extended nel 2019.

 

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium