/ Cronaca

Cronaca | 03 agosto 2022, 13:26

Manette ai polsi per il georgiano diventato il terrore di Mirafiori: era specializzato in furti in appartamento

Sulla sua testa pendono già due condanne per un totale di quasi 7 anni di carcere. L'ultimo colpo il 24 luglio scorso

ladro che cerca di forzare una finestra

Il malvivente è stato fermato dagli agenti di Polizia di Barriera Nizza

Era diventato il terrore dei residenti nella zona di Mirafiori (e non solo). Ma sono scattate le manette ai polsi di un cittadino georgiano: a rintracciarlo, gli agenti di Polizia del commissariato Barriera Nizza, ritenendolo il responsabile di numerosi furti in appartamento. Indizi che si sommano alla presenza, già a suo carico, di due ordini di carcerazione, sempre legati a reati contro il patrimonio.

Le indagini sono iniziate dopo un colpo messo a segno il 24 luglio da tre persone. Le immagini riprese da una videocamera di sorveglianza posta all’interno dell’alloggio hanno permesso di identificare uno dei tre malviventi, già noto alle forze dell'ordine.

La stessa persona veniva notata lo scorso sabato pomeriggio proprio dai poliziotti del Commissariato, liberi da servizio, all’interno di un centro commerciale del quartiere Nizza. E' così scattato il fermo.

Tramite i riscontri dattiloscopici sono emersi a suo carico, sotto 2 alias, altrettanti ordini di carcerazione: un provvedimento restrittivo della libertà personale emesso nel marzo 2021 dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Firenze che comporta l’espiazione di 2 anni, 1 mese e 27 giorni di carcere ed un provvedimento di pene concorrenti emesso nell’Aprile 2021 dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Emilia, per l’espiazione di una pena complessiva di 4 anni, 11 mesi e 27 giorni di reclusione.

Il procedimento penale versa nella fase delle indagini preliminari e pertanto vige la presunzione di non colpevolezza a favore dell’indagato, sino alla sentenza definitiva

redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium