/ Cultura e spettacoli

Cultura e spettacoli | 29 settembre 2022, 10:40

Al via Torino Spiritualità 2022: a inaugurare il festival Lilian Thuram e Alex Zanotelli

Fino al 2 ottobre incontri e dialoghi sul tema della "pelle" come superficie profonda dell'essere umano. Tra gli ospiti Luciana LittizZetto, Joshua Cohen, Vittorio Sgarbi, Oliviero Toscani

Al via Torino Spiritualità 2022: a inaugurare il festival Lilian Thuram e Alex Zanotelli

Dal 29 settembre al 2 ottobre torna Torino Spiritualità, quattro giorni di lezioni, dialoghi, letture e meditazioni al Circolo dei lettori e nel cuore della città, per riflettere insieme confrontando coscienze, culture e religioni. La XVIII edizione riflette sul concetto di Pelle, “superficie profonda” dell’essere umano che, mentre nasconde, interroga il mistero tangibile che ognuno di noi rappresenta. Nel confronto di coscienze, culture e fedi, Torino Spiritualità torna a innescare una riflessione sul significato del nostro tempo e del nostro essere in luoghi di incontro e culto, spazi museali, della cultura e dello spettacolo del capoluogo piemontese. L’immagine scelta per quest’anno, un’antica roccia lavica segnata dalle tracce di un contatto tanto imprevedibile quanto poetico, allude proprio all’infinita ricchezza di incontri di cui la nostra pelle è testimone: alcuni effimeri, altri invece durevoli come fiori cristallizzati per sempre nella pietra. Impronte e ornamenti che ogni vita è destinata a conoscere.

Sottile e al tempo stesso radicata e profonda, la pelle è la mappa visibile della nostra esistenza, l’archivio di miliardi di storie uniche e individuali. Proprio a partire da questa nostra superficie individuale, indice di chi siamo e dove terminiamo, soglia e luogo del contatto con gli altri e con la realtà, ragionano scrittori, filosofi, protagonisti delle arti e del pensiero contemporaneo.

Gli appuntamenti e i protagonisti

A inaugurare il festival sono l’ex calciatore campione del mondo e attivista contro il razzismo Lilian Thuram e il sacerdote missionario Alex Zanotelli, in un dialogo su pelle e stereotipi a partire da Il pensiero bianco (ADD editore) moderato dalla giornalista di Internazionale Annalisa Camilli. Evento speciale è l’incontro con Orhan PamukPremio Nobel per la letteratura, che in conversazione con Elena Loewenthal, racconta Le notti della peste, nuovo romanzo edito da Einaudi: è il 1901 quando nell’immaginaria isola di Mingher la peste dilaga, scivolando oltre la pelle per avvelenare le coscienze. Al festival arriva il Premio Pulitzer 2022 Joshua Cohen, ma anche Luciana LittizzettoNicola Lagioia lo scrittore olandese Jan BrokkenVittorio Sgarbi, Oliviero Toscani, Cecilia Strada e l’ex magistrato e saggista Gherardo Colombo

Per il programma completo: torinospiritualita.org

redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium