/ Attualità

Attualità | 09 novembre 2022, 10:58

Revoca della scorta, la rabbia di Pino Masciari: "Negata la richiesta di accesso agli atti"

Il testimone di giustizia si sfoga così nei confronti della Prefettura di Torino: "E' una cosa da teatro dell'assurdo"

pino masciari

L'imprenditore e testimone di giustizia Pino Masciari si sfoga

"La prefettura di Torino ha notificato a me e ai miei familiari, il formale diniego alla richiesta di accesso agli atti del procedimento amministrativo, finalizzato alla revoca della scorta. E fra le motivazioni si cita il fatto che attengono ancora 'a persone esposte a pericoli o minacce anche potenziali, per sé o i propri familiari'. Questo mentre si chiede la revoca delle misure di tutela. Se non fosse vero, con tanto di carta intestata, timbri e firme, potrebbe sembrare una delle migliori pagine di teatro dell'assurdo". A renderlo noto è Pino Masciari, l'imprenditore testimone di giustizia per il quale è stato avviato il procedimento di revoca della scorta.

"Avrò diritto a sapere informazioni sul mio caso?"

"L'assurdità - prosegue Masciari - è che a fare richiesta di accesso agli atti non è un terzo, sono io, il diretto interessato. Avrò diritto di sapere quali informazioni il ministero, la prefettura ecc., possiedono che riguardano l'incolumità e la vita, mia e della mia famiglia? E' inoltre mio interesse giuridico, come specifica l'articolo di legge citato nel diniego, conoscere ciò che ha determinato la valutazione del ministero di potermi revocare il diritto alla tutela".

La rabbia del testimone di giustizia è evidente: "Sono stanco di dover controbattere per vie legali all'evidente negazione dei nostri diritti, seppur ammantata da norme di legge. Non sono una pratica, sono una persona e come tale vorrei essere trattato".

redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium