/ Attualità

Attualità | 18 novembre 2022, 13:19

A Venaria le celebrazioni per i 200 anni dalla costituzione della Scuola di Cavalleria

La Città conferirà la cittadinanza onoraria alla Scuola di Cavalleria dell’Esercito Italiano

A Venaria le celebrazioni per i 200 anni dalla costituzione della Scuola di Cavalleria

Domani, sabato 19 novembre 2022 si svolgeranno in città, con il patrocinio della Regione Piemonte, le celebrazioni per festeggiare il bicentenario dalla fondazione della Scuola di Cavalleria Venaria Reale 1823 con un convegno che si terrà alla Cappella di Sant’Uberto della Reggia di Venaria, in piazza della Repubblica.

L’incontro, sarà solo il primo di una serie di appuntamenti che ricorderanno l’anniversario nelle diverse località legate alla storia della Scuola. Gli eventi  si concluderanno nel novembre del prossimo anno a Lecce, città nella quale vi è l’attuale sede della Scuola.

Il programma prevede alle ore 1, in piazza Vittorio Veneto, il ritrovo per la deposizione di una corona d'alloro presso il monumento ai Caduti e lo schieramento della associazioni combattentistiche, d'arma e civili cittadine e dalle 14:30 alla Cappella di Sant’Uberto, i saluti delle Autorità. Alle 15 si terrà la Cerimonia di consegna della Cittadinanza Onoraria di Venaria Reale alla Scuola di Cavalleria che ha ereditato le tradizioni della Regia Scuola Militare di equitazione.

Il tutto ebbe inizio grazie al Regio Viglietto del Re di Sardegna Carlo Felice, datato 15 novembre 1823, da cui ne scaturì la costituzione della Regia Scuola Militare di equitazione che ebbe la sua prima sede proprio a Venaria Reale. La sua fondazione avvenne per istruire nell’equitazione i giovani allievi dei corpi di cavalleria, gli ufficiali di ogni Arma, nonché le persone della corte reale conferendo in tal modo unicità di metodo all’equitazione da loro praticata.

La scelta cadde sulla Reggia per la grandiosità dei locali, la vicinanza alla Capitale di allora Torino, la disponibilità di una vasta piazza d’armi e di un grandissimo maneggio coperto.
Il prossimo anno ricorrerà il duecentesimo anniversario e, nei suoi due secoli ininterrotti di storia, la Scuola ha forgiato intere generazioni di Cavalieri che hanno servito e combattuto per la Patria in ogni conflitto, dalle Guerre Risorgimentali, alle due Guerre Mondiali fino alle missioni internazionali degli ultimi settant'anni. Tra la fine dell' ‘800 e l'inizio del '900 del secolo scorso, è stata il punto di riferimento mondiale per il metodo di equitazione naturale, nato dalle geniali intuizioni del Cap. Federigo Caprilli.

Al giorno d’oggi forma tutto il personale assegnato ai reggimenti di Cavalleria di linea (cioè esploranti) ed ai reggimenti Carristi, svolgendo così un ruolo fondamentale per la trasmissione dei valori, delle tradizioni e delle conoscenze tecniche ed operative alle nuove generazioni. La Scuola, a testimonianza del suo primario ruolo di riferimento, custodisce lo Stendardo dell'Arma di Cavalleria, decorato con le massime onorificenze militari esistenti, vale a dire l'ordine Militare d'Italia e la Medaglia d'Oro al Valor Militare.

La Cittadinanza Onoraria è frutto di una mozione presentata dal sindaco Fabio Giulivi e votata all’unanimità dall’Assemblea consiliare. Dichiara il Sindaco Giulivi «Con estremo orgoglio Venaria Reale consegna questa onorificenza nel ricordo del passato militare della nostra Città, che ha visto nella Scuola di Cavalleria una delle eccellenze che hanno contribuito a momenti importanti della storia nazionale. Siamo contenti che da Venaria Reale partano i festeggiamenti del 200° anniversario della Scuola di Cavalleria dell’Esercito Italiano, che proprio qui ebbe la sua genesi. Inoltre, sottolineiamo con questo gesto, l’enorme valenza sociale e culturale a cui la comunità tutta è molto legata».

Dalle ore 15:20 il via al convegno "I due secoli della Scuola di Cavalleria Venaria Reale 1823: la nascita", con i seguenti interventi:
- Ing. Giuseppe Marinello: “L’arte equestre tra patrimoni culturali immateriali e siti dell’UNESCO”;
- Dott. Mario Gennero: “Otto Wagner: il primo istruttore della Scuola”;
- Prof. Domenico Bergero: “La Regia Scuola Veterinaria e la Scuola di Cavalleria”;
- Gen. C.A. (c.a.) Francesco Apicella: presentazione del Calendario storico ANAC 2023;
- Gen. B. Claudio Dei: “La Scuola di Cavalleria oggi, già domani”;
Ore 17:00 - Visita alla Corte Pagliere - ex Cavallerizza Lamarmora.

L’ingresso è libero fino alla massima capienza di 150 posti. 

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium