/ Cultura e spettacoli

Cultura e spettacoli | 30 marzo 2023, 16:57

Al Cinema Centrale Arthouse, una 24 ore per "riprendersi" il piacere di stare in sala

Appuntamento dalle 19 di venerdì 31 marzo alle 19 di sabato 1° aprile

In foto, Vera Gemma

In foto, Vera Gemma

"Riprendersi - 24 ore di amore per la sala e per il cinema" è la giornata per recuperare – almeno un po’ – di quello che ci siamo persi negli ultimi anni: l’appuntamento è dalle 19 di venerdì 31 marzo alle 19 di sabato 1° aprile al Cinema Centrale Arthouse con una serie di proiezioni interamente dedicate al cinema sul cinema e accompagnate da incontri e dibattiti a tema e sullo stato della settima arte.

Ideata dall’Agenda del cinema a Torino e curata insieme con AIACE Nazionale, Centro Nazionale del Cortometraggio, Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani (Gruppo Regione Piemonte e Valle d’Aosta) e Slow Cinema, l’iniziativa è un invito a riaccendere, in un clima festoso e informale, una passione a tutto tondo, attraverso lungometraggi, cortometraggi, documentari, spezzoni di film che raccontano il cinema in tanti modi diversi.

Una prima edizione che è anche un invito a riprendersi gioiosamente la sala, a scuotersi dal torpore della visione domestica e a ritrovare il gusto di quella sociale davanti a un grande schermo, a risperimentare la magia di sedersi insieme agli altri al buio e attendere che il fascio di luce illumini la parete di fronte, a tornare a parlare e – perché no – anche a dibattere di cinema, ad analizzare la sua situazione attuale, a capire che cosa si può fare (e si può chiedere che venga fatto) perché la crisi che l’ha colpito venga superata.

La serata di venerdì 31 marzo si aprirà con un incontro inaugurale alle 19, in cui gli organizzatori della manifestazione - Carlo Griseri, Lia Furxhi, Alessandro Giorgio, Gaetano Renda e Joana Fresu de Azevedo – daranno al pubblico le istruzioni per “Riprendersi”. A seguire verrà presentato in anteprima il lungometraggio Vera (alle 19.30), il docufilm di Tizza Covi e Rainer Frimmel vincitore del premio Orizzonti per la miglior regia e la miglior attrice a Venezia79, in cui la protagonista, Vera Gemma, figlia di Giuliano, si confronta con la memoria del celebre padre, la superficialità del jet set romano e il mondo degli ultimi delle borgate capitoline. Alla proiezione seguirà un incontro con la regista Tizza Covi e con l’attrice Vera Gemma. La serata proseguirà con la proiezione (alle 21.45) di una serie di spezzoni di film ad ambientazione cinematografica e di documentari dedicati a registi e attori famosi, che si concluderà con un intervento del giornalista e regista Davide Mazzocco. La giornata terminerà con la proiezione di L’onda lunga (alle 22.15), il documentario che racconta la storia ultrasettantennale dell'Associazione Nazionale Autori Cinematografici attraverso interviste inedite alle numerose personalità presenti tra le sue file (da De Sica a Pasolini, Scola, Rosi, Age&Scarpelli, Cecchi d’Amico, Bellocchio, Wertmüller e molti altri), attestando un impegno non limitato alle politiche di settore, ma esteso a un ampio ambito civile e culturale. Alla proiezione seguirò un incontro con il regista del film Francesco Ranieri Martinotti.  

Per info e programma completo: agendacinematorino@gmail.com; www.agendacinematorino.it/riprendersi,

www.facebook.com/riprendersicinema

redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium