/ Attualità

Attualità | 12 ottobre 2023, 16:04

Nel 2026 si torna a navigare sul Po con i battelli elettrici. Ai Murazzi il River Center per i turisti

A gennaio 2024 al via i primi lavori: percorso da 7.5 chilometri sul fiume, con cinque attracchi

murazzi

Nel 2026 si torna a navigare sul Po con i battelli elettrici. Ai Murazzi il River Center

Dopo anni di attesa, nel 2026 si torna a navigare con i battelli elettrici sul Po. E i Murazzi ospiteranno il River Center, un infopoint della Città dove si svolgeranno anche eventi. Interventi finanziati grazie ad 11 milioni e 500 mila euro del Pnrr e che si inseriscono nel progetto complessivo di riqualificazione del parco del Valentino. 

Lo Russo: "Costruendo Torino futura" 

"Sapete bene - ha spiegato il sindaco Stefano Lo Russo - quanto siamo legati al Po: con questo investimento vogliamo restituire una nuova funzione al fiume, che connetterà i luoghi che sono il cuore dell'offerta turistica e culturale della città".

"Stiamo costruendo - ha aggiunto il primo cittadino - la Torino futura, che fa dell'ambiente e della transizione ecologica una delle cifre caratterizzanti". 

7.5 chilometri di navigazione 

Il percorso fluviale si snoderà su cinque chilometri e mezzo, collegando i Murazzi alla zona di Italia 61, dove verrà realizzata la nuova darsena. Un tragitto che, in particolari occasioni, potrà allungarsi di ulteriori due chilometri, per raggiungere Borgo Navile a Moncalieri. Per la navigazione verranno utilizzati dei battelli elettrici, con una capienza di 60 persone: l'alimentazione sarà garantita dall’energia prodotta dallo stesso fiume ed Iren provvederà a rifornire le colonnine di ricarica. 

Cinque attacchi e una darsena

In futuro è allo studio l’ipotesi di realizzare una nuova centralina che sfrutti il salto della traversa Michelotti, sulla sponda destra del fiume a valle del ponte della Gran Madre. Le imbarcazioni saranno dotate di attrezzature smart, che durante la navigazione raccoglieranno dati e informazioni sulla qualità dell’acqua e sull’ambiente fluviale, consentendo ai passeggeri di vivere una vera e propria esperienza immersiva sul fiume, sia turistica che scientifica.

Saranno cinque (Murazzi, Borgo Medievale, Italia 61, Vallere e Borgo Navile) gli attracchi completamente ricostruiti e riprogettatia. La nuova darsena, realizzata a monte della passerella Turin Marathon, consentirà il ricovero notturno delle imbarcazioni, in condizioni di sicurezza in caso di eventi di piena. 

River Center nei Murazzi

Nelle ultime sette arcate a monte dei Murazzi verrà realizzato un River Center. Sarà un hub di informazione, attrezzato per lo svolgimento di eventi, attività innovative, nonché di valorizzazione e promozione turistica della Città.

Lavori al via nel gennaio 2024

"Abbiamo approvato - ha spiegato l'assessore alla Cura della Città Francesco Tresso - il  progetto esecutivo delle opere infrastrutturali". Dal punto di vista cronologico, i primi lavori che partiranno a gennaio 2024 saranno quelli di costruzione della Darsena e del River Center. Il cantiere durerà un anno e mezzo. 

Nelle scorse settimane è stata pubblicata la gara per l'acquisto delle imbarcazioni: entro il 15 novembre verranno depositate le offerte, quindi a fine anno si saprà quali saranno i battelli. "Dai Murazzi fino a Moncalieri - ha aggiunto Tresso - sono sette chilometri e mezzo: si potrà partire da Superga con la Dentiera ed imbarcarsi ai Murazzi, per raggiungere Torino sud".

Cinzia Gatti

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium