/ Attualità

Attualità | 20 febbraio 2024, 09:47

Perosa Argentina perde Margherita che sapeva ‘far parlare i fiori’

Al suo negozio, sotto i portici di via Roma, arrivavano clienti anche dal resto del Pinerolese, attratti dalla sua creatività

Margherita Rostagno Odetti tra i suoi fiori

Margherita Rostagno Odetti tra i suoi fiori

Sapeva ‘far parlare i fiori’ e questi non mancheranno domani, martedì 20 febbraio al suo funerale alle 14,40 alla chiesa parrocchiale di San Genesio a Perosa Argentina. La settantottenne Margherita Rostagno Odetti, scomparsa sabato 17 febbraio, era la fioraia del paese, e al suo negozio, sotto i portici di via Roma, arrivavano anche clienti del resto del Pinerolese, attratti dalla sua creatività. “Le sue composizioni floreali erano qualcosa di unico, di fuori dall’ordinario: era un’artista! Certo quando andavi da lei non dovevi avere fretta... spesso canticchiava tra sé e sé e ti accoglieva sempre con una cordiale ‘Cara, dimmi!” così la perosina Tatiana Micaela Truffa – anche lei commerciante per diversi anni in paese – ricorda i suoi incontri con Odetti.

“Nel tempo che passavano nel suo negozio, Margherita sapeva immedesimarsi con i suoi clienti, creare composizioni ad hoc che avessero a che fare con la loro vita, facendo ‘parlare i fiori’, e rendendo in questo modo indimenticabili le atmosfere di matrimoni e funerali. Ricordo che per l’ultimo saluto ad un marinaio aveva creato accostamenti originali utilizzando fiori che richiamassero i colori della marina” racconta Edi Morini che conosceva Odetti fin da bambina, poiché anche i suoi genitori erano commercianti e proprietari della pasticceria Morini. “Già i suoi nonni, Rostagno, avevano la bottega di generi alimentari del paese, ereditata poi dai genitori. Io vedevo sempre Margherita in negozio ad aiutarli” continua. Poi, ancora giovanissima, rilevò la bottega dei genitori e si allargò con il negozio di fiori sotto i portici, dall’altro lato di via Roma. Ora le due attività sono in mano alle figlie: Maria Luisa e Maria Grazia.

“Margherita è stata un’istituzione per il paese e le sue figlie hanno ereditato il suo ruolo – afferma il sindaco di Perosa Argentina, Nadia Brunetto –. Non era solo una commerciante: svolgeva un vero e proprio servizio per la comunità. Potevi rivolgerti a lei a qualsiasi ora del giorno e della notte sia per quanto riguarda i prodotti alimentari che i fiori. Bastava suonare al citofono di casa sua, proprio sopra al negozio”.

Odetti, infatti, lavorava ‘senza guardare l’ora’ come testimonia l’amico e coscritto Renzo Furlan: “Forse potrei rimproverarle di aver sacrificato tutta la vita al suo lavoro, ma lo amava, ed era un’artigiana espertissima”. La fede e l’energia che metteva nella sua attività le aveva permesso di superare momenti molto dolorosi: “Come la perdita del marito e di due figli ancora piccoli – continua –. La vita non le ha risparmiato alcun dolore e credo che Margherita abbia saputo dare di più di quello che abbia ricevuto” ricorda commosso Furlan. Ma per lei le piante erano soprattutto vita: “Subito dopo il parto dei suoi figli, tornava in negozio e se li teneva lì accanto racconta Morini –. Ricominciava a lavorare, allevandoli in mezzo ai fiori”.

Elisa Rollino

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium