/ Sanità

Sanità | 29 febbraio 2024, 16:14

Patto Regione-Rsa sulle tariffe, c'è chi si sfila. Uneba: "Non abbiamo firmato nulla, non c'è accordo"

Secondo la sigla che rappresenta l'Unione nazionale istituzioni e iniziative di assistenza sociale, l'aumento delle tariffe non è comunque sufficiente a rendere sostenibile il servizio

anziano con mano sulla spalla

Uneba si sfila: "Nessun accordo con la Regione sulle tariffe"

Non è così compatto, il fronte Rsa-Regione Piemonte. Quello che nei giorni scorsi era stato annunciato come un accordo con tutta la categoria delle strutture di assistenza agli anziani (e simili), in realtà trova alcuni distinguo a poche ore di distanza. E ad avanzarli è Uneba, Unione Nazionale Istituzioni e Iniziative di Assistenza Sociale.

Nessun accordo firmato con la Regione

Si era parlato, in particolare, di un aumento della tariffa del 3,5% per quanto riguarda la parte strettamente "sanitaria" (di competenza regionale), mentre rimane immutata la parte a carico delle famiglie (la componente sociale). "La conclusione dell’incontro non ha visto raggiungere accordi di alcun tipo - dicono da Uneba -. Infatti solo il giorno seguente è stato proposto alle rappresentanze dei gestori un Patto per un nuovo welfare innovativo e sostenibile. Il presidente di Uneba Piemonte Amedeo Prevete ha convocato un consiglio direttivo urgente per mercoledì 28 febbraio, per condividere con i consiglieri la risposta da dare alla Regione. E a seguito del consiglio direttivo, Uneba Piemonte ha deliberato di non poter firmare il Patto proposto dalla Regione in quanto evidentemente non coerente e non sufficiente rispetto ad una pianificazione di continuità di servizio".

Tariffe restano non sostenibili per il servizio

"La remunerazione tariffaria proposta non è compatibile né tantomeno sufficiente per garantire un modello di servizio sostenibile - prosegue una nota ufficiale diffusa dalla sigla di categoria -. Le percentuali proposte non coprono né, parzialmente, l’inflazione né, tantomeno, l’aumento del costo del lavoro attuale e futuro. Uneba è in trattativa per il rinnovo del Ccnl, rinnovo che noi riteniamo giusto e doveroso, ma con questa struttura dei ricavi sarà del tutto insostenibile. Con, di conseguenza, rischi certi di chiusura degli Enti no profit e quindi due gravi problemi connessi per i cittadini piemontesi: riduzione dei servizi socio sanitari e riduzione dell’occupazione".

"Il consiglio direttivo di Uneba Piemonte ha valutato positivamente l’investimento economico che la Regione ha fatto in termini complessivi e sottolinea quanto questo può aver avuto ricadute positive principalmente sui cittadini piemontesi. Ma con la situazione demografica del Piemonte tali investimenti sono e saranno necessari a patto di non lasciare sola una parte della popolazione anziana, che sarà in aumento almeno per i prossimi 20-25 anni".

E infine, Uneba fa notare come sia stato "sicuramente positivo per gli Enti questo maggior finanziamento, ma purtroppo le marginalità non hanno subito effetti positivi dall’aumento dei volumi. O meglio, mediamente, nel contesto di una marginalità negativa hanno esclusivamente ridotto, ma non azzerato, l’utilizzo del patrimonio di riserva degli Enti stessi che comunque è stato necessario utilizzare".

Massimiliano Sciullo

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium