/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 02 aprile 2024, 09:14

Nexi azioni ancora in calo: aggiornamenti e opinioni di SoldiExpert SCF sul titolo

Gli ultimi aggiornamenti nel settore dei pagamenti digitali hanno portato sotto i riflettori Nexi, azienda che si posiziona al centro di un'industria in rapida evoluzione.

Nexi azioni ancora in calo: aggiornamenti e opinioni di SoldiExpert SCF sul titolo

Gli ultimi aggiornamenti nel settore dei pagamenti digitali hanno portato sotto i riflettori Nexi, azienda che si posiziona al centro di un'industria in rapida evoluzione. Dopo un significativo apprezzamento di quasi il 50% a fine 2023, le azioni Nexi hanno mostrato una tendenza al ribasso in seguito alla pubblicazione dei risultati finanziari dell'anno 2023 e all'annuncio di un piano di buyback.

Il team di consulenti finanziari e analisti esperti di SoldiExpert SCF, una delle più autorevoli Società di Consulenza Finanziaria indipendenti attive in Italia, ha recentemente stilato un approfondimento completo e preciso sul tema. Ecco, in questo articolo, una panoramica sui punti principali.

Azioni Nexi in buyback, i dati del 2023

Il primo punto trattato nell’approfondimento di SoldiExpert SCF riguarda i dati del 2023, relativi al gruppo e alle Nexi azioni. Complessivamente, i ricavi sono stati all’altezza delle aspettative. Infatti, hanno raggiunto 3,36 miliardi di euro, in rialzo del 7% rispetto all’anno precedente. Anche l’EBITDA è salito del 10%, toccando 1,75 miliardi di euro. La società, in aggiunta, ha generato un “excess cash generation” pari a 601,1 milioni di euro.

Quanto alle aspettative per il 2024, Nexi prevede di realizzare un flusso di cassa netto superiore ai 700 milioni di euro e punta a una crescita dell'EBITDA “mid-to-high” single digit nella sua guidance per l’anno in corso. In breve, ci si attende un incremento dell'EBITDA tra il 5% e l'8%.

Il CdA di Nexi, inoltre, ha annunciato l'intenzione di proporre un programma di buyback per l'acquisto di azioni proprie, con una durata di 18 mesi e un investimento massimo di 500 milioni di euro, corrispondenti a circa il 13% del capitale esistente. Tuttavia, nonostante l’iniziativa positiva, il prezzo delle azioni Nexi ha continuato a mostrare un trend discendente, arrivando a toccare i 6 euro all'inizio di marzo.

Nexi azione: l’indebitamento è un importante punto debole

Al termine del 2023, l’indebitamento netto dell’azione Nexi era di 5,26 miliardi di euro. Lo scorso anno, infatti, la società ha registrato un utile netto normalizzato di 711,8 milioni di euro, segnando un incremento del 4,9% rispetto ai 678,3 milioni di euro dell'anno precedente.

Ad ogni modo, secondo quanto emerge dall’analisi di SoldiExpert SCF, Nexi azione ha registrato un risultato netto negativo di 1,01 miliardi di euro. Una perdita principalmente attribuita a una svalutazione del valore contabile dell'avviamento e delle attività immateriali, riflettendo le sfide poste dall'andamento del prezzo del titolo e le attuali condizioni di mercato.

Recentemente, Nexi ha annunciato un piano di riduzione del personale che prevede il taglio di circa 400 posti di lavoro, in accordo con i sindacati. Contemporaneamente, l'azienda ha assicurato che procederà all'assunzione di nuove figure con contratti a tempo indeterminato entro il 2026, seguendo un rapporto di assunzione di 1 nuova risorsa per ogni 2 posti tagliati.

Senza scordare che, negli ultimi anni, il settore dei pagamenti digitali ha goduto di una notevole crescita, alimentata dalle aspettative di un incremento degli acquisti effettuati con carta di credito. Oggi, però, questo settore sta affrontando una crescita meno marcata del previsto, in parte a causa dell'intensificarsi della concorrenza dovuta all'ingresso di numerosi operatori che stanno erodendo i margini di profitto. Un esempio significativo è rappresentato da Worldline, gigante europeo e diretto concorrente, che ha visto le sue quotazioni passare da 80 euro a 10 euro dall’aprile 2021 a oggi.

Nexi in borsa: quotazione in ribasso

Un ulteriore punto toccato dall’approfondimento di SoldiExpert SCF è la situazione di Nexi in borsa. Lanciato nell'aprile del 2019, il titolo era inizialmente riuscito a crescere fino a 20 euro, nonostante una volatilità significativa e repentini cambi di rotta.

Dal luglio 2021, tuttavia, si è assistito a una costante discesa dei prezzi, che hanno toccato i minimi storici a fine ottobre 2023, segnando un periodo di forte incertezza per l'azienda nel contesto di mercato.

Come riportato anche nell’analisi di Fida Informatica, l’azione ha raggiunto un nuovo minimo assoluto a 5,40 euro ed è poi rimbalzata fino a 7,50 euro. Attualmente, però, è ancora in calo, ed è tornata ad un valore di 6 euro.

Di che cosa si occupa la società Nexi

Le Nexi azioni sono espressione di una realtà italiana leader di mercato, che fornisce servizi e infrastrutture per il pagamento digitale per aziende, banche, assicurazioni, pubblica amministrazione e istituzioni. 

Le opzioni offerte spaziano dai trasferimenti di denaro alle tecnologie per l’accettazione di pagamenti, fino al corporate banking. L’obiettivo del Gruppo è quello di uscire dai confini nazionali per affermarsi come “Paytech europea”.

La mission di Nexi, invece, è quella di semplificare il mondo delle transazioni, consentendo a persone e imprese di sviluppare scambi più efficienti, promuovendo una crescita sostenibile nel lungo periodo. La realtà, in linea con questo scopo, ha stretto una partnership con Microsoft per integrare le proprie modalità di pagamento digitale nel suo ecosistema, con un focus particolare sul Commercial Marketplace.

Una collaborazione, dunque, che non solo migliorerà l'offerta di servizi di pagamento digitale, ma vedrà anche le due società impegnate in attività congiunte di comunicazione, partendo dall'Italia e ampliandosi successivamente in mercati chiave europei, come la Germania.

Nexi titolo: i principali azionisti

Nexi presenta una governance piuttosto complessa, con un capitale stimato in circa 120 milioni di euro. Come riporta l’approfondimento di SoldiExpert SCF, è suddiviso in poco più di 1,3 miliardi di titoli. L’azienda possiede una quota di azioni liberamente negoziabili del 41% e un gruppo limitato di azionisti di spicco.

L’azionista principale nel Nexi titolo è la società d’investimento americana Hellman e Friedman (HF Corporate Investors), che possiede una quota leggermente inferiore al 20%, acquisita durante la fusione di Nexi con l'azienda danese Nets.

A seguire ci sono Cassa Depositi e Prestiti con il 13,5% e il fondo d'investimento britannico Mercury UK Holdco. Quest'ultimo, in passato azionista maggioritario di Nexi e attualmente con una partecipazione minore del 10%, rappresenta a sua volta gli interessi dei fondi Bain, Advent e Clessidra. 

La lista prosegue con Eagle che detiene il 6%, Poste Italiane con il 3,5%, e Gic Private Limited, Neptune e AB Europe, ognuno con una partecipazione approssimativa del 2%.

Tanto Hellman & Friedman quanto le società con sede in Lussemburgo e Regno Unito, controllate dai fondi Bain Capital, Advent e Clessidra, hanno aggiornato il valore delle loro quote in Nexi al fair value, rispetto ai valori precedentemente registrati nei bilanci. Per la maggior parte degli azionisti, comunque, il valore attuale delle azioni possedute è di 7,366 euro: un ridimensionamento notevole.

Gli obiettivi a medio termine delle azioni Nexi

L’analisi di SoldiExpert SCF, successivamente, si sofferma sugli obiettivi a medio termine dichiarati da Nexi. L'azione, in particolare, prevede di raggiungere entro il 2026 un flusso di cassa organico di 1 miliardo di euro e un incremento annuale del margine EBITDA di almeno l'1%. 

Paolo Bertoluzzo, l’Amministratore Delegato dell’azienda, sostiene che, nonostante l'instabilità dell'ambiente macroeconomico attuale, la società perseguirà l'ampliamento dei propri margini e incrementerà notevolmente la capacità di generare cassa. Ha dichiarato, inoltre, di essere fiducioso nella capacità di Nexi di accelerare i ricavi a medio termine attraverso nuovi catalizzatori di crescita, quali l'e-commerce e i mercati di Germania e Spagna.

Il CFO di Nexi Bernardo Mingrone ha altresì affermato che per il programma di buyback saranno impiegati sia i fondi già disponibili che quelli che saranno generati in futuro. L’azione, pertanto, ha mostrato segnali positivi relativi ai risultati sia dell'ultimo trimestre sia dell'intero anno 2023. Quanto alle previsioni per il 2024, si allineano alle aspettative di mercato, sebbene siano leggermente più conservative riguardo alla generazione di cassa.

Investire nelle azioni Nexi conviene? L’opinione di SoldiExpert SCF

Gli investitori in possesso di azioni Nexi o che stano considerando il loro inserimento nel proprio portafoglio, dunque, potrebbero avere bisogno di un adeguato supporto per pianificare la strategia più adatta. Il successo nel panorama degli investimenti, del resto, non deriva semplicemente dalla selezione di titoli vincenti, ma piuttosto dalla costruzione di un portafoglio solido e diversificato

Attiva nel settore da oltre due decenni, SoldiExpert SCF costituisce una tra le principali Società di Consulenza Finanziaria (SCF) autonome in Italia. Garantisce, infatti, una consulenza diretta, priva di conflitti di interesse.

I servizi di consulenza offerti forniscono precise indicazioni operative riguardo all'acquisto e alla vendita di titoli, alla gestione delle posizioni già detenute, oltre a istruzioni specifiche per la costruzione di un portafoglio. A. ciò si uniscono aggiornamenti regolari da parte di analisti e consulenti finanziari indipendenti. È prevista, inoltre, l’opportunità di effettuare un check-up gratuito del proprio portafoglio. 

Le informazioni offerte dall'approfondimento di SoldiExpert SCF evidenziano, infine, la complessa realtà finanziaria di Nexi, tra sfide e opportunità in un settore in costante mutamento. In questo contesto, dunque, risulta essenziale disporre di una strategia d'investimento ad hoc, supportata dall'esperienza di autentici professionisti del settore.

Questo contributo è stato realizzato con SoldiExpert SCF una delle principali società di consulenza finanziaria (SCF) indipendenti in Italia, specializzata nel assistere senza conflitti d’interesse (la remunerazione è esclusivamente a parcella, fee only) investitori piccoli e grandi nella gestione del proprio patrimonio, selezionare i migliori strumenti (azioni, obbligazioni, ETF, fondi..) o prodotti in base alle specifiche di ciascun cliente e supportarli con il proprio Ufficio Studi come strategie d’investimento e analisi.

Link e approfondimenti

Sito ufficiale: https://soldiexpert.com 
Podcast finanza: https://radioborsa.com/

Newsletter gratuita: https://soldiexpert.com/lettera-settimanale/ 
E-mail: ufficiostudi@soldiexpert.com

Canale video Youtube: https://www.youtube.com/user/SoldiExpert

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium