/ Eventi

Eventi | 07 aprile 2024, 06:40

Cosa fare a Torino nel weekend: gli eventi fino a domenica 7 aprile

I concerti di Alfa e Gazzelle, la verve di Camihawke e Ornano, le coreografie di "Aggiungi un posto a tavola", ma anche Medea e un moderno Cyrano. Ultimo weekend per visitare la mostra di Tim Burton

Il musical "Aggiungi un posto a tavola" al Teatro Alfieri dal 4 al 7 aprile

Il musical "Aggiungi un posto a tavola" al Teatro Alfieri dal 4 al 7 aprile

EVENTI

MUSICA DA VEDERE 
Sabato 6 aprile ore 15.45 
Alla Palazzina di Caccia di Stupinigi, appuntamento con Musica da Vedere, la visita “musicale” che fa rivivere gli antichi rituali della caccia reale rappresentati nelle tele del Cignaroli al suono dei corni di Sant’Uberto. Il paesaggio sonoro rappresentato nelle tele di Vittorio Amedeo Cignaroli rivive alla Palazzina di Caccia di Stupinigi attraverso l’arte musicale dei suonatori di corno da caccia. Le musiche che corrispondevano all'antico cerimoniale venatorio della vènerie royale (la caccia a cavallo con cani da seguita), vengono riproposte da una sonorizzazione delle opere curata dall’Equipaggio della Regia Venaria, ensemble musicale dell’Accademia di Sant’Uberto, costituita nel 1996 e riconosciuta dall’Unesco Patrimonio Immateriale dell’Umanità. Lo strumento impiegato è la trompe d’Orléans, corno circolare naturale, senza fori, tasti o pistoni, di agevole impiego anche a cavallo, per trasmettere le sequenze dell’azione venatoria nel folto della foresta.  
INFOwww.ordinemauriziano.it

TANGO DELLA VITA 
Venerdì 5 aprile ore 20.30 
Arriva in sala, con una serata evento a Torino il documentario “Tango della Vita” di Erica Liffredo e Krista Burãne, che continua il suo percorso distributivo dopo la prima proiezione di gennaio a Cuneo, dove vivono i suoi protagonisti Claudio e Ivana. La serata avrà al Cinema Ambrosio e vedrà la partecipazione della regista Erica Liffredo e i protagonisti del film Claudio Rabbia e Ivana Revelli, i maestri Monica e Giorgio Proserpio della Associazione Tangonauti.
A partire dalle ore 22, dopo la proiezione, nel foyer del cinema sarà possibile assistere ad una performance di Milonga e ballare.
INFOhttps://ticket.cinebot.it/ambrosio/evento/2698_tango-della-vita 

CONCERTI

R.Y.F. - EVERYTHING BURNS CONCERTO
Giovedì 4 aprile ore 20
R.Y.F. è il progetto da solista di Francesca Morello, songwriter e chitarrista di base a Ravenna. R.Y.F. cerca di dare una voce a ogni diversità, alla comunità queer, alle persone non binarie e a tutte le creature favolose. La sua colonna sonora originale per “Tutto Brucia”, il nuovo spettacolo teatrale di Motus, è uscita per Bronson Recordings nel 2022, a seguire il suo album dark dance-punk dello scorso anno, “Everything Burns”.
INFO: CineTeatro Baretti, via Baretti 4, tel. 011.655187, www.cineteatrobaretti.it

ALFA
Sabato 6 aprile ore 21

Alfa dà il via al suo primo tour nei palazzetti. “Sarà uno show con un’idea e un concept mai visti prima in Italia. Una sorpresa assoluta!“. Decimo classificato al Festival di Sanremo con il brano “Vai!”, e già Disco di Platino con la sua “Bellissimissima”, il giovane cantautore ha già duettato con artisti quali Annalisa, Ariete, Rosa Chemical e Roberto Vecchioni. Biglietti in vendita su TicketOne.
INFO: Palaolimpico Inalpi Arena, corso Sebastopoli 123, www.inalpiarena.it

GAZZELLE
Domenica 7 aprile ore 21

“Dentro per sempre” è il nuovo tour di Gazzelle, che arriva a Torino il 7 aprile. Protagonista saranno l’ultimo album “Dentro” e le canzoni che in questi anni hanno accompagnato la vita di tantissime persone. Insieme a lui, la storica band composta da Claudio Bruno (alla chitarra), Claudio Laguardia (alla batteria), Gabriele Roia (al basso), Ettore Mirabilia (alle tastiere) e Giovanni Grieco (alla chitarra).
INFO: Palaolimpico Inalpi Arena, corso Sebastopoli 123, www.inalpiarena.it

PAOLO NOISE 
Giovedì 4 aprile ore 21
“INUTILE” è il primo disco di inediti di N*O*Y*S*E. Paolo Noise, storica chitarra dei Punkreas, speaker radiofonico e DJ, esce con il suo primo album solista di inediti dal titolo “Inutile”. Un disco che, dalle classiche sonorità tipicamente punk andrà ad esplorare il cantautorato, l’elettronica, la drum’n bass, senza evitare qualche ritmo in levare. Quando una passione diventa lavoro è chiaramente una cosa straordinaria. Ma inevitabilmente alla passione si aggiunge quella combinazione di stress, pressione e necessità di risultati che ogni lavoro porta con sé. Con questo disco NOYSE decide di prendere una vacanza e di tornare a fare musica solo per il gusto di farlo, senza pretendere nulla se non la soddisfazione di dare voce a un proprio desiderio, ad una propria esigenza espressiva e urgenza creativa. In apertura i torinesi Ralph Penegun.
INFO www.spazio211.com 

GIOVANNI TRUPPI + BAND VS SIBODE DJ 
Giovedì 4 aprile ore 20 
Il ring è pronto. Protagonisti del prossimo round Giovanni Truppi + Band vs Sibode DJ: l’appuntamento è il 4 aprile alle OGR Torino per OGR Club. Nel Duomo delle OGR la data zero del nuovo tour, un’insolita battaglia musicale in 5 memorabili round che lasceranno il pubblico senza fiato.  Sibode DJ, con il suo groove funky-dance fatto da beatbox, tromba, tastiera e chitarra, aprirà lo spettacolo prima di unirsi a Giovanni Truppi e alla sua band per un'esperienza indimenticabile.
Truppi, performer magnetico e artista di riferimento della scena cantautorale italiana porterà per la prima volta alle OGR Torino l'incalzante e sfrenato flusso di parole e note che lo caratterizza. Insieme a lui la sua band: Frankie Bellani, tastiere e synth, Giorgio Maria Condemi, chitarre, Stefano Tamborrino, batteria, e Sibode DJ come special guest alla tromba. Un live che si trasforma da una sfida a una danza, come quella tra Cassius Clay e George Foreman, capace di incontrare il pubblico in un’esperienza a tu per tu, tra suoni e parole.
INFOwww.ogrtorino.it 


MUSICAL

AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA
Giovedì 4 e Venerdì 5 aprile ore 20.45, Sabato 6 ore 15.30 e 20.45, Domenica 7 ore 15.30
Compie 50 anni uno degli spettacoli più longevi e amati dagli italiani. Firmato da Pietro Garinei e Sandro Giovannini, scritto con Jaja Fiastri e con le musiche composte da Armando Trovajoli, questo musical da record è qui riproposto con la regia di Marco Simeoli. Special Guest Lorella Cuccarini nel ruolo di Consolazione. La storia, liberamente ispirata a “After me the deluge” di David Forrest, narra le avventure di Don Silvestro, parroco di un paesino di montagna, che un giorno riceve una telefonata inaspettata: Dio in persona lo incarica di costruire una nuova arca per affrontare l’imminente secondo diluvio universale. Don Silvestro, aiutato dai compaesani, riesce nella sua impresa, nonostante l’avido sindaco Crispino che tenterà di ostacolarlo in ogni modo e l’arrivo di Consolazione, donna di facili costumi, che metterà a dura prova gli uomini del paese.
INFO: Teatro Alfieri, piazza Solferino 4, www.teatroalfieritorino.it

ONE (WO)MAN SHOW

CAMIHAWKE
Mercoledì 3 aprile ore 21

Camilla Boniardi, in arte sui social Camihawke, durante gli anni dell'Università si rende conto di avere una spiccata passione per il web e inizia a pubblicare i primi video su Facebook e YouTube. In breve tempo diventa tra i talent più seguiti in Italia e non solo.  Il suo personaggio sul web è scanzonato e ha un umorismo travolgente, alterna improbabili esperimenti da telegiornalista a personalissime letture della vita quotidiana, recensioni (umili) dissacranti a oroscopi per tutte le occasioni. Camilla è capace di raccontare la sua realtà e quella dei social in maniera ironica, pungente e sarcastica. Dello spettacolo, racconta: "Il saggio di fine anno è il momento in cui porti con orgoglio sul palco tutto quello che hai imparato, lezione dopo lezione, e Camilla è pronta, per la prima volta, a portare sul palco tutto questo. Se ve lo state chiedendo, sì, forse porterà anche il flauto".
INFO: Teatro Colosseo, via Madama Cristina 71, tel. 011.6698034, www.teatrocolosseo.it

ANTONIO ORNANO
Giovedì 4 aprile ore 21


Il protagonista del nuovo irrefrenabile flusso di coscienza di Antonio Ornano è un uomo che affronta la vita con una morale approssimativa, scarsa autostima ed una notevole dose di cinismo. Ad una certa età capita di tirare le somme, fare bilanci e magari scoprire di aver trascorso gran parte della propria vita proiettati in avanti e frantumati in tanti pezzi, ciascuno dei quali funzionale a salvarsi le piume. Forse è giunto il momento di chiedere l’aiuto di uno psicologo e allora capita di sentirsi dire: “Lei è un maschio caucasico irrisolto, uno di noi insomma, che finalmente attraversa una fase trasformativa, si sfoghi”. Ed è proprio per questo che il comico spezzino ha scritto il nuovo spettacolo, ed è tornato sul palco per noi!
INFO: Teatro Colosseo, via Madama Cristina 71, tel. 011.6698034, www.teatrocolosseo.it

TEATRO

MEDEA
Martedì 2, Mercoledì 3, Giovedì 4, Venerdì 5 aprile ore 20.45, Sabato 6 ore 19.30, Domenica 7 ore 16
Leonardo Lidi affronta una delle tragedie più crude e spietate dell’antichità. Medea, figura chiave della letteratura classica e simbolo senza tempo del dolore femminile, è colei che ha abbandonato la propria patria per seguire un uomo, che l’ha resa madre per abbandonarla, poi, per una donna più giovane, in nome del proprio tornaconto. Medea non ha alcun luogo o famiglia a cui far ritorno, scartata perché di intralcio a un progetto personale e politico, quello di Giasone, che esclude pietà e sentimenti. Nella parte della protagonista Orietta Notari, che ha vinto il Premio Le Maschere del Teatro come miglior attrice non protagonista.
INFO: Fonderie Limone, via Pastrengo 88, Moncalieri, www.teatrostabiletorino.it

L’ARTE DI RENDERSI INFELICI
Martedì 2, Giovedì 4 e Sabato 6 aprile ore 19.30, Mercoledì 3 e Venerdì 5 ore 20.45, Sabato 6 e Domenica 7 ore 16
Domenico Castaldo lavora da tempo sulle potenzialità creative degli esseri umani. In questo nuovo spettacolo prende possesso e rielabora le parole di un celebre saggio dello psicologo Paul Watzlawick, che descrive l’insensatezza di alcuni pensieri e comportamenti tossici della nostra società, tanto frequenti quanto inutilmente autodistruttivi, e costruisce qui uno specchio ironico che tra il divertimento e il disagio di riconoscersi, ci aiuta a scoprire come come renderci felicemente infelici.
INFO: Teatro Gobetti, via Rossini 8, tel. 0115169555-800235333, www.teatrostabiletorino.it

LA COPPA DEL SANTO
Mercoledì 3 e Giovedì 4 aprile ore 21
Lo spettacolo coinvolge il pubblico con l’obiettivo, partendo da una selezione di 32 santi, di scegliere il santo che diventerà il patrono della serata. A cura della compagnia Gli omini.
INFO: Off Topic, via Pallavicino 35, telefono e whatsApp 334.8655865, www.fertiliterreniteatro.com

CIRANO DEVE MORIRE
Giovedì 4 aprile ore 20, Venerdì 5 ore 21, Sabato 6 ore 19, Domenica 7 ore 17
Riscrittura per tre voci del “Cyrano di Bergerac” di Edmond Rostand. Uno spettacolo-concerto con testi e musiche originali dal vivo che trasforma la poesia di fine Ottocento in potenti versi rap. Rime taglienti e ritmo indiavolato affrontano in modo implacabile il tema della finzione attraverso il racconto di inganni e di morte, di fedeltà agli altri e di tradimento di se stessi, di parole che seducono e di silenzi che uccidono. È una straordinaria storia di amore e di amicizia uno dei più famosi “triangoli” del teatro moderno, è la storia di due amici e di una donna di cui entrambi si innamorano: sono tre ragazzi proprio come i giovani attori chiamati a interpretarli sulla scena.
INFO: Teatro Astra, via Rosolino Pilo 8, tel. 5634352, www.fondazionetpe.it

RADICI. UNA COSA CHE SO DI CERTO
Sabato 6 e Domenica 7 aprile ore 19
Opera di Alba Maria Porto (anche alla regia) e Giulia Ottaviano, che grazie a un viaggio costruisce un parallelo fra il Coordinamento Femminista di Enna, con i verbali delle riunioni avvenute nel 1975, e un giovane uomo che dopo aver scoperto le proprie origini parte alla ricerca della propria storia.
INFO: Teatro Bellarte, via Bellardi 116, telefono e whatsApp 334.8655865, www.fertiliterreniteatro.com

METTICI LA MANO
Sabato 6 aprile ore 21, Domenica 7 ore 16
Primavera del 1943, Napoli. Una tarda mattinata di sole viene squarciata dalle sirene: arrivano gli aerei alleati e il pericolo di un nuovo e devastante bombardamento. La scena è uno scantinato che fa da rifugio improvvisato. In un angolo del locale, una statua della Madonna Immacolata, miracolosamente scampata alla distruzione di una chiesa. È qui che si ritrova una strana compagnia, riunita dalla necessità di riparo: Bambinella, un femminiello che sopravvive esercitando la prostituzione e che conosce tutto di tutti, e il Brigadiere Raffaele Maione, che ha appena arrestato Melina, una ventenne che ha appena sgozzato nel sonno il Marchese di Roccafusca, di cui la ragazza era la cameriera. Autore, storia e interpreti dalla serie televisiva Il Commissario Ricciardi di Maurizio de Giovanni.
INFO: Teatro Gioiello, via Colombo 31, www.teatrogioiellotorino.it

TUT A POST
Sabato 6 aprile ore 21
Torna il nuovo, godibilissimo, spettacolo di Marco&Mauro proposto a suon di tutto esaurito lo scorso novembre: protagonista il duo piemontese cabarettistico più amato. Che dire di ciò che ogni mamma ha raccomandato al proprio figlio prima di un qualsiasi viaggio, trasferta o piccolo spostamento da casa? Per non parlare di Marco e Mauro da “gagnu”, che cantano la loro versione di 44 gatti! O di ciò che ognuno di noi ha vissuto personalmente all’ufficio postale in una delle nostre infinite code allo sportello. Da Papa Francesco le cui origini sono di Portacomaro… al gustosissimo omaggio a Sandra e Raimondo, che trasforma il “Che noia, che barba” in "Che bale, che stufia".
INFO: Teatro Erba, corso Moncalieri 241 tel. 0116615447/011.6618404 - www.torinospettacoli.it

APRES TOUT
Venerdì 5 e Sabato 6 aprile ore 21
Spettacolo della compagnia franco-italiana Gipsy Raw, ideato e interpretato da Pasquale Fortunato e Manon Mafrici. Uno show di danza contemporanea tra l’hip hop, il contorsionismo e l’arte dell’illusione che ha ricevuto il premio del pubblico al concorso coreografico “Dialogues” 2022 di Parigi.  i due ballerini mettono in scena un racconto in cui la breakdance di Pasquale Fortunato diventa poetica in unione allo stile intimo di Manon Manfrici, componendo un tuffo nel loro mondo giocoso. "È un pezzo delicato e potente, al crocevia tra la danza contemporanea e l'hip hop, la contorsione e l'arte dell'illusione, che vuole riflettere e mettere in discussione la nozione di tempo".
INFO: Casa Fools, via Bava 39, www.casafools.it

LA GRANDE TIMIDEZZA
Domenica 7 aprile ore 21
Il nuovo spettacolo teatrale di Ruggero de I Timidi e Fabiana Incoronata Bisceglia è uno show musicale in cui convivono intelligenza artificiale e idiozia naturale, realtà virtuale e massaggi romantici, viaggi nel tempo e loop station, autotune e canzoni medievali. Tra vecchi successi e nuove hit, uno spettacolo dove Ruggero si conferma l’unico artista che riesce a essere il Product Placement di se stesso.
INFO: Teatro Concordia, corso Puccini, Venaria, tel. 0114241124, www.teatrodellaconcordia.it

LIRICA E CLASSICA

LA FANCIULLA DEL WEST
Martedì 2 aprile ore 20
Mentre i primi film western, brevissimi e muti, facevano furore sul grande schermo, Puccini pensò di trasferire una di quelle storie di pistoleri e di disperati sul prestigioso palcoscenico del Metropolitan Opera di New York. Il risultato fu quest'opera del tutto originale, sia per il soggetto sia per lo stile musicale. La protagonista è Minnie, una giovane energica e generosa che gestisce il saloon di un villaggio di cercatori d’oro in California. La sua vita è sconvolta dall’arrivo del bandito Dick Johnson, di cui è segretamente innamorata; nel tentativo di salvarlo dalla forca, arriverà persino a giocarsi la propria felicità in una partita a poker. Sul podio il maestro Francesco Ivan Ciampa, regia di Valentina Carrasco.
INFO: Teatro Regio, piazza Castello 215, tel. 0118815241/242, www.teatroregio.torino.it

THE TENDER LAND
Domenica 7 aprile ore 16
Laurie si sente già adulta, mentre la sua “Ma” la vede ancora come una bambina. Il rapporto tra le generazioni e lo sviluppo della persona sono l’essenza di quest'opera di Aaron Copland su libretto di Horace Everett, intima, ambientata in un'America rurale all'epoca della Grande depressione e animata da danze e melodie d'ispirazione popolare. Edizione in lingua originale inglese con soprattitoli. Prima esecuzione assoluta in Italia. Alessandro Palumbo direttore d'orchestra, Paolo Vettori alla regia. Con l'Orchestra e il Coro del Teatro Regio.
INFO: Piccolo Regio Puccini, piazza Castello 215, tel. 0118815241/242, www.teatroregio.torino.it

PER BAMBINI E RAGAZZI

VITE RIBELLI
Venerdì 5 aprile ore 20.45
Matteo Saudino è il filosofo rock che spopola su Youtube sotto il nome di “Barbasophia”, il più ascoltato dei podcast e soprattutto è un filosofo che non ha paura di prendere posizione sulla scuola, ma non solo. Di più: lo ritiene un dovere. Grazie a lui tantissimi ragazzi si sono appassionati alla filosofia, come strumento per interpretare il mondo. Ha fatto migliaia di conferenze in tutta Italia, scritto libri (svariati saggi e un romanzo filosofico per ragazzi) e ora approda per la prima volta in teatro per un vero e proprio spettacolo. Da Ipazia a Giordano Bruno, da Democrito a Olympe de Gouges, per arrivare all’immortale Socrate, viaggeremo lungo le meravigliose strade geniali e ribelli della filosofia. Dai 12 anni.
INFO: Teatro Ragazzi Trg, corso G. Ferraris 266, casateatroragazzi.it

BELLA, BELLISSIMA!
Sabato 6 e Domenica 7 aprile ore 16.30
Un giorno, da qualche parte, nasce una Strega. In poco tempo impara a fare tutte le cose che fanno le streghe: fa incantesimi, sa volare su una scopa, ride e spaventa tutti, anche i bambini. Per il suo compleanno, riceve un invito da Orco: un appuntamento a mezzanotte, al chiaro di luna. Lui la trova bella, bellissima. Nella notte Strega s’incammina e sulla via verso il suo appuntamento, incontra alcuni abitanti del bosco che non la pensano esattamente nello stesso modo e così Strega decide di seguire i loro consigli e di aggiustarsi il naso, la gobba, i capelli e anche il vestito. E quando finalmente agli occhi di tutti è bella bellissima, corre dal suo amato Orco. Peccato che, al suo arrivo, è talmente diversa da come la ricordava che Orco non la riconosce neanche perché Strega, per lui, è la più bella bellissima del mondo esattamente così com’è. "Bella, bellissima!" è uno spettacolo in cui il teatro di figura presta il suo saper essere linguaggio magico alla drammaturgia delle immagini; vuole giocare con la meraviglia e prendersi gioco dell'incanto. Vuole far ridere a crepapelle e accompagnare all'uscita con tenerezza; vuole lasciare un senso piccolo, piccolissimo anche, ma prezioso, un ricordo palpabile misto al fumo del calderone di una Strega bella, anzi, bellissima. Di Nadia Milani, che cura anche l'animazione e la regia: drammaturgia di Beatrice Baruffini. Dai 3 anni.
INFO: Teatro Ragazzi Trg, corso G. Ferraris 266, casateatroragazzi.it

C’EST L’HIVER! LE CIEL EST BLEU
Sabato 6 aprile ore 19 e domenica 7 ore 18
La compagnia francese La Diagonale du Vide porta in scena uno spettacolo che mostra i mondi interiori di due essere sensibili che, nella disposizione dei corpi e delle loro evoluzioni, fanno riconoscere emozioni troppo difficili da esprimere a parole. Una creazione che esplora il tema della solitudine a due, esaminando le diverse sfaccettature di questo sentimento, sia gioioso che opprimente, attraverso l’arte del circo contemporaneo. Dagli 8 anni.
INFO: Spazio FLIC, via Niccolò Paganini, www.flicscuolacirco.it

MOSTRE

K2. 1954-2024
Fino al 31 maggio 
Il Museo della Montagna festeggia i 70 anni della scalata italiana al K2. Il 31 luglio 1954, poco prima delle 18, Achille Compagnoni e Lino Lacedelli arrivano in vetta. Sono i primi italiani a toccare la cima di un Ottomila. All'interno del museo, per celebrare la ricorrenza è stata allestita una nuova sezione permanente dedicata a questa spedizione del Club Alpino Italiano. L'iniziativa, promossa in concomitanza con il 150° anniversario della fondazione del Museo, propone una narrazione dell'impresa attraverso una vasta ed eterogenea esposizione di attrezzature, documenti, fotografie e iconografie che rappresentano, nel loro insieme, la più ricca documentazione esistente sul tema. Con immagini poco note, documenti archivistici, pagine di giornale, oggetti e attrezzature alpinistiche, la nuova sezione permanente – frutto del riallestimento di una parte dell’area dedicata all’alpinismo extraeuropeo del Museo – spalanca una finestra sul passato e propone il racconto di un’impresa ancora oggi ritenuta mitica, che costituisce il fondamento dell’himalaysmo italiano moderno.
INFOhttps://www.museomontagna.org/events/k2-i-1954-2024/ 


A TU PER TU CON LEONARDO 
Fino al 30 giugno 
Come da tradizione in occasione delle festività pasquali, la Biblioteca Reale di Torino propone un’occasione eccezionale per conoscere ed esplorare da vicino l’opera di Leonardo da Vinci e ammirare alcuni dei suoi capolavori conservati nel patrimonio dei Musei Reali. Dal 28 marzo al 30 giugno, nell’ambito dell’iniziativa A tu per tu con Leonardo, l’esposizione L’Autoritratto di Leonardo. Storia e contemporaneità di un capolavoro è allestita nelle due sale-caveau della Biblioteca Reale. 
INFO: https://www.coopculture.it/

TORINO ANNI '50. LA GRANDE STAGIONE DELL'INFORMALE
Fino al 1° settembre
Torino, anni Cinquanta. Dopo le vicende belliche, nel campo della arti figurative è cominciata una nuova stagione di rinascita a e slancio verso il futuro, è la grande stagione dell’Informale. A partire dalle opere degli artisti torinesi di questa  nuova corrente si basa la mostra che apre al Museo Accorsi Ometto. Un viaggio dal dopo guerra fino agli anni Sessanta, gli anni della Grande Esposizione Universale attraverso capolavori di autori nazionali e internazionali. Una trentina gli artisti torinesi in mostra, tra questi  Francesco Casorati, Nino Aimone, Antonio Carena, Pinot Gallizio, Ezio Gribaudo, Mario Davico, Paola Levi Montalcini, Mario Lattes, Mario Merz, Carol Rama, Luigi Spazzapan, Francesco Tabusso, Giacomo Soffiantino. A questi si affiancano gli artisti della scena italiana e mondiale: Afro, Enrico Baj, Alberto Burri, Giuseppe Capogrossi, Georges Mathieu, Karel Appel, Hans Hartung, Emilio Vedova.
INFOwww.fondazioneaccorsi-ometto.it

CAPODIMONTE. DA REGGIA A MUSEO
Fino al 1° settembre 
C’è la Danae di Tiziano Vecellio, c’è la Crocifissione di Masaccio, c’è il Ritratto di donna Antea di Parmigianino, e poi ancora c’è Ercole al bivio di Annibale Carracci, Atalanta e Ippomene di Guido Reni, la Flagellazione di Caravaggio, Giuditta che decapita Oloferne di Artemisia Gentileschi, il Convitto di Assalone di Mattia Preti, e c’è, a chiusura del percorso temporale che attraversa cinque secoli, il Vesuvius di Andy Warhol. Basterebbero questi titoli per rendere la mostra allestita alla Reggia di Venaria dal 29 marzo al 15 settembre un appuntamento imperdibile. Ma i capolavori arrivati dal Museo e Real Bosco di Capodimonte sono molti di più, ben sessanta. 
INFOlavenaria.it



RI-CONNESSIONI 
Fino al 14 aprile 
La Fondazione Sandretto Re Rebaudengo ospita la mostra Ri-connessioni, che nasce dalla collaborazione tra il Comitato regionale per Diritti i Umani e Civili e la Fondazione stessa. La mostra presenta le opere di Arvin Golrokh (Teheran, 1992), Bahar Heidarzade (Teheran, 1981) e Ahmad Nejad (Lahyjan, 1968), artisti e artiste nati in Iran e residenti a Torino.
È accompagnata da un programma artistico ed educativo, da studio visit, visite laboratorio ed è documentata da una pubblicazione.
INFO: www.fsrr.org

GUERCINO. IL MESTIERE DEL PITTORE 
Fino al 28 luglio 
Guercino, alias Francesco Barbieri (Cento 1591 - Bologna 1666), non giunse mai a Torino, eppure un significativo nucleo delle sue opere, tra dipinti e disegni, è conservato oggi nella Galleria Sabauda e nella Biblioteca Reale. Partendo proprio da questo nucleo, cui si aggiungono oltre 100 capolavori del Maestro Emiliano e di colleghi coevi come Carracci, Reni, e Domenichino, provenienti da collezioni importanti tra cui il Museo del Prado e il Monastero dell’Escorial.
INFOmuseireali.beniculturali.it/mostra-guercino-il-mestiere-del-pittore

AFRIKA NOW 
Fino al 30 giugno 
Afrika Now riapre la stagione delle mostre al del Museo Ettore Fico, chiuso dal 17 dicembre 2023 per il riallestimento. Lo fa con una collettiva aperta fino al 30 giugno che raggruppa il lavoro di cinque artisti (Salifou Lindou, James Mishio, Victor Fotso Nyie, Bouvy Enkobo e Elladj Lincy Delpumeaux) e che ha come focus quello delle nuove generazioni provenienti da Africa e Guadalupa. Le loro ricerche si concentrano soprattutto sulla figura umana: ritratti e autoritratto attraverso cui gli artisti raccontano problemi politici, legami famigliari, presenze sociali, affetti e storie comuni. Fil rouge la comunità nera, che sia nel Grande Continente o che sia altrove, in Europa o negli altri Paesi.
INFOwww.museofico.it  

MYTHOS 
Fino al 7 luglio 
Da Cercero ad Anubi, le oltre 30 creature della mostra Mythos hanno invaso la Ghiacciaia del Mercato Centrale di Porta Palazzo. Fino al 7 luglio le rappresentazioni di miti, divinità e figure leggendarie prendono vita e si trasformano, assumendo forme ibride composte da animali reali, fantastici e anche da parti umane, creando così entità che incarnano le caratteristiche più oscure e ambigue dell'umanità. 
INFOwww.mythoscreaturefantastiche.<wbr></wbr>it 

SHINHANGA. LA NUOVA ONDA DELLE STAMPE GIAPPONESI
Fino al 30 giugno 
Per la prima volta in Italia a Palazzo Barolo apre “Shinhanga. La Nuova Onda delle Stampe Giapponesi".  Una mostra sull’arte degli shinhanga, movimento artistico che all'inizio del XX secolo in Giappone ha rivoluzionato la tradizionale stampa ukiyoe, fondendo elementi classici con la sensibilità modernista. Oltre 80 opere originali di alcuni dei più celebri maestri shinhanga, tra cui Itō Shinsui, Kawase Hasui e Hashiguchi Goyō, che ritraendo paesaggi dai colori vibranti e splendide figure femminili hanno saputo catturare l'essenza del paesaggio e dei fermenti del Giappone di quegli anni con quel tocco di nostalgia che accompagna la scomparsa di un mondo minacciato dal progresso. La mostra propone opere provenienti da collezioni private e dalla Japanese Gallery Kensington di Londra. Kimono, fotografie storiche e oggetti d’arredo, completano il percorso fatto di preziose stampe legate al movimento che si è affermato all’inizio della democrazia Taishō (1912-1926) e che è proseguito fino agli anni Quaranta del Novecento. 
INFOwww.shinhanga.it 

LE MERAVIGLIE DELLA SETA E DEL PELTRO 
Fino al 28 gennaio 2025 
Una veste premaman in seta dei primi anni dell’800, un pregevole caracò damascato, il corsetto simbolo della donna rivoluzionaria francese, un abito da sera in taffetas cangiante di inizio ‘900. Sono solo alcuni dei pregevoli abiti e tessuti storici esposti al secondo piano di Palazzo Madama fino al 28 gennaio 2025. 
INFOwww.palazzomadamatorino.it/it

DINOSAURI - TERRA DEI GIGANTI 
Fino al 30 giugno
La sala degli stemmi di Porta Nuova fa un salto indietro nel tempo per tornare nell’era mesozoica: oltre 250 milioni di anni fa quando i dinosauri erano i padroni della Terra.Sono una ventina le riproduzioni a grandezza naturale di questi maestosi animali per la mostra Dinosauri - Terra dei Giganti. Ricostruirti in poliuretano e vetroresina quelli statici, in gommapiuma quelli mobili e dotati di un motore interno. Il percorso vuole raccontare ad adulti e bambini, l’evoluzione dai primi dinosauri erbivori, marini e volatili fino ai carnivori. Affiancati da calchi di veri fossili, si trovano le specie più note che abbiamo imparato a conoscere grazie al Jurassik Park di Steve Spielberg, come il Triceratopo, il Velociraptor e ovviamente, il Tirannosauro Rex.
INFOwww.dinosauriterradeigiganti.it  

ROBERT CAPA, UGO MULAS, MICHELE PELLEGRINO A CAMERA 
Fino al 2 giugno e fino al 14 aprile 
La tragica guerra civile spagnola, momento cruciale della storia del XX secolo, e il rapporto professionale e sentimentale fra Robert Capa e Gerda Taro sono il fulcro della mostra Robert Capa e Gerda Taro: la fotografia, l’amore, la guerra che con oltre centoventi fotografie racconta una stagione intensa di fotografia, guerra e amore. Nella mostra Ugo Mulas / I graffiti di Saul Steinberg a Milano protagonista è la Milano del boom economico e le creazioni del grande illustratore e disegnatore Saul Steinberg immortalate da un giovane Ugo Mulas, mentre lo sguardo poetico sul Piemonte rurale di Michele Pellegrino offre storie di uomini, donne e montagne nella mostra Michele Pellegrino. Fotografie 1967-2023.
INFOwww.camera.to 

ANTONIO LIGABUE
Fino al 26 maggio 
Oltre 90 opere di Antonio Ligabue ne illustrano la vita, la psiche e la storia tormentata nell’esposizione Ligabue, in corso alla Società Promotrice delle Belle Arti di Torino fino al 26 maggio. Un viaggio nell’arte di questo genio visionario sempre in evoluzione, e nella sua appassionata ricerca, con la quale sapeva inventare e rinnovare le sue opere nella loro pressante suggestione emotiva, in una iconografia popolare e raffinata. La mostra è curata da Giovanni Faccenda, si avvale del patrocinio della “Fondazione Augusto Agosta Tota per Antonio Ligabue” ed è prodotta da SM.ART, con la direzione creativa e di produzione di WeAreBeside. La mostra Ligabue, a cura di Giovanni Faccenda, si snoda attraverso 8 sale in un corpus di 71 dipinti, 8 sculture e 13 disegni ed è la prima realizzata con la Fondazione Augusto Agosta Tota per Antonio Ligabue, a quasi un anno dalla scomparsa di Augusto Agosta Tota, che dell’artista fu amico, promotore e studioso.
INFO: mostraligabuetorino.com

LE OSSA DELLA TERRA 
Fino al 13 ottobre 
Dal 26 gennaio 2024 il Museo Nazionale della Montagna di Torino invita a scoprire il legame di Primo Levi con le terre alte attraverso la mostra Le ossa della terra, un progetto ideato e prodotto dal Museo, sviluppato in collaborazione con il Centro Internazionale di Studi “Primo Levi” di Torino e curato da Guido Vaglio con Roberta Mori. Un percorso espositivo articolato attorno alle parole di Levi, ma anche a fotografie storiche, oggetti, documenti, volumi ed estratti video provenienti da archivi pubblici e privati, oltre che dai familiari dello scrittore e dal Museo. Una mostra per scoprire il legame poco conosciuto di Primo Levi con la montagna, nato negli anni dell’adolescenza e tragicamente legato al destino dello scrittore.
INFOwww.museomontagna.org

EDOARDO SANGUINETI
Fino al 30 aprile
Alle Sezioni Riunite dell’Archivio di Stato di Torino si svolge la mostra Edoardo Sanguineti nella città “cruciverba”.  L’esposizione attingerà principalmente ai fondi del Centro Studi Interuniversitario Edoardo Sanguineti, con i quali interagiranno alcune schede lessicografiche selezionate provenienti dal Fondo esempi letterari (scarti e giunte) del Grande Dizionario della Lingua Italiana, al quale Sanguineti partecipò, grazie alla fondamentale mediazione dell’amico Tullio De Mauro, in veste di direttore dei Supplementi. Sarà possibile ammirare per la prima volta due recentissimi ritrovamenti, che risalgono agli albori della carriera del Sanguineti poeta: il manoscritto di Composizione, la raccolta sottoposta nel febbraio 1950 a Cesare Pavese, che la rifiutò, due redazioni di Laszo Varga e il manoscritto finale di Laborintus, la fondamentale opera d’esordio di Sanguineti, nella redazione in cui il titolo era ancora Laberintus.
INFOwww.centrosanguineti.unito.it/it

GIULIA E TANCREDI FALLETTI DI BAROLO COLLEZIONISTI
Fino al 7 aprile
In occasione del bicentenario del Distretto Sociale Barolo, i Musei Reali presentano una mostra dossier che per la prima volta permette di ricomporre l'originaria raccolta dei marchesi Giulia Colbert e Carlo Tancredi Falletti di Barolo, mettendo in luce il loro duplice ruolo di committenti e collezionisti. Una significativa selezione delle 45 opere d'arte antica donate con lascito testamentario alla Galleria Sabauda nel 1864 dialogherà con altri dipinti e sculture.
INFOmuseireali.beniculturali.it

LA PRIMA MONNA LISA
Fino al 26 maggio
Si tratta de La Monna Lisa di Isleworth, un'opera che secondo gli esperti il Maestro di Vinci dipinse prima della sua gemella conservata al Louvre. Isleworth è la città inglese in cui visse il mercante che l'acquistò nel 1914 da un collezionista privato inglese. La "prima Monna Lisa" era stata per la prima volta presentata nel 2012 dopo essere stata sottoposta a oltre trentacinque anni di studi.
INFOmostraprimamonnalisa.com

IL MONDO DI TIM BURTON
Fino al 7 aprile
La mostra dedicata al grande regista è allestita all'interno della Mole. C’è la scrivania del regista, ma anche i suoi disegni, alcuni inediti, schizzi, polaroid, pupazzi e oggetti di scena. Protagonisti tutti i personaggi più famosi creati da Tim Burton, da Beetlejuice a Edward mani di forbice, fino all’ultima riuscita serie Netflix, Mercoledì.  Per la prima volta in città Burton è rimasto colpito da palazzi e ambienti storici.
INFOMuseo del Cinema, www.museocinema.it

Daniele Angi e Chiara Gallo

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium