/ Cultura e spettacoli

Cultura e spettacoli | 23 aprile 2024, 15:46

Da Robert Capa a Mario Giacomelli: la collezione fotografica di Guido Bertero in mostra da Ersel

Oltre cento scatti esposti in occasione del festival Exposed, fino al 14 giugno

Carla Cerati, Inaugurazione del negozio di Nucci Valsecchi e Willi Rizzo

Carla Cerati, Inaugurazione del negozio di Nucci Valsecchi e Willi Rizzo

Guido Io è la nuova mostra fotografica organizzata da Ersel fino al 14 giugno. 

Un percorso composto da 100 scatti di proprietà di Guido Bertero organizzato in occasione di EXPOSED EXTENDED, il primo Festival internazionale di fotografia del capoluogo piemontese che proporrà oltre 20 mostre temporanee sparse per la città.

A partire dagli anni Novanta, Bertero ha creato una tra le maggiori collezioni di fotografia italiana del dopoguerra, così ampia che al suo interno si possono selezionare di volta in volta gruppi di artisti diversi, dai più storici ai moderni, dai celebri interpreti internazionali alle grandi rappresentanti femminili della nostra fotografia: scorrono così i nomi di Giuseppe Cavalli, Mario Gabinio, Riccardo Moncalvo e Luigi Veronesi, ma anche Robert Capa, William Klein David Seymour e Paul Strand; Alfredo Camisa, Pietro Donzelli, Nino Migliori e Federico PatellaniNan Goldin e Boris Michajlov; Letizia Battaglia, Lisetta Carmi e Carla Cerati; e ancora, Gabriele Basilico, Mario Cresci, Franco Fontana, Mario Giacomelli, Luigi Ghirri, Mimmo Jodice, Ugo Mulas. 

Una collezione nata da subito con un focus molto preciso sulla fotografia italiana del dopoguerra, una vera e propria testimonianza della nostra storia, intesa come memoria, documento e traccia di un’epoca, arricchita nel tempo da incursioni nella grande fotografia internazionale.

Tra i meriti di Guido Bertero c’è quello di aver cercato i capolavori degli artisti più noti, ma anche gli scatti di quelli meno conosciuti, concentrandosi sul messaggio, sulla forza delle immagini e sulla qualità delle stampe che, se possibile, dovevano essere “vintage”, cioè stampate al momento della realizzazione dello scatto (o poco dopo). Ogni fotografia porta con sé una storia e immortala un momento di quell’epoca. 

La collezione rispecchia la sensibilità, la curiosità, l’amore per il bello, ma anche la dedizione di chi l’ha creata, viaggiando per l’Italia per conoscere i fotografi e il loro lavoro, riunendo fondi di immagini importanti con l’intento di costruire una memoria. Guido Bertero ci ricorda chi siamo e da dove veniamo.

 

 

redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium