/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 10 giugno 2024, 15:35

Mirafiori, tutto pronto per la nuova manifestazione di mercoledì davanti a Palazzo Civico

Nuovo appuntamento, a due mesi dal corteo che ha percorso le vie del centro della città, per "Il rilancio di Torino" secondo tutti i sindacati metalmeccanidi: Fim, Fiom, Uilm, Fismic, Uglm e Aqcf

striscione con persone che manifestano

Nuova manifestazione per il futuro di Mirafiori da parte di tutte le sigle sindacali metalmeccaniche

Tutto pronto per la seconda manifestazione unitaria dedicata al destino di Mirafiori. Tutte le sigle metalmeccaniche, infatti, a due mesi di distanza dal corteo "storico" che ha percorso le vie del centro da piazza Solferino a piazza Castello, tornano a chiedere certezze sul futuro dello storico stabilimento oggi Stellantis.

Fim, Fiom, Uilm, Fismic, Uglm e Aqcf hanno infatti organizzato un evento che, questa volta, sarà "statico", ma con la piazza davanti a Palazzo Civico come centro di ritrovo. In piazza Palazzo di Città, infatti, a partire dalle 9 di mercoledì 12 giugno inizierà il ritrovo (con dj set) in attesa - alle 10 - dell'avvio dei lavori.

Inizialmente si discuterà dell'impatto dell'elettrico nell'economia del territorio, con la partecipazione di alcuni delegati sindacali, ma anche sei segretari generali torinesi di Fiom, Edi Lazzi, Fismic, Sara Rinaudo e Aqcr, Fabrizio Amante. Con loro, anche Giuseppe Sabella e Leonardo Artico, a rappresentare Oiknova e Motus-E.

E' previsto poi un saluto del sindaco di Torino, Stefano Lo Russo. Poi pausa, con musica e cibo e poi il secondo pezzo del programma. Dalle 14,15 si parlerà infatti dell'automotive a Torino dal 2008 a oggi.
Parteciperanno il segretario generale Uilm, Luigi Paone, quello di Fim, Rocco Cutrì e quello di Uglm, Ciro Marino. Con loro, oltre ad altri sindacalisti, anche Salvatore Cominu e Fulvia Zunino, ricercatori dell'Ires Piemonte, Gianfranco Zabaldano, della fondazione Vera Nocentini e Alessandro Svaluto Ferro, direttore dell'ufficio per la pastorale sociale e del lavoro della diocesi di Torino.

E' infine previsto il saluto del presidente della Regione e, in chiusura, ancora musica e dj set.

Da quel primo corteo, tuttavia, alcune cose sono successe all'ombra della Mole. A partire dal duplice incontro tra il ceo di Stellantis, Carlos Tavares e i sindacati, fino ad arrivare all'annuncio sull'arrivo della 500 ibrida. Un traguardo fissato a 2026, ma ora anticipato a fine 2025.

Massimiliano Sciullo

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium