/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 13 maggio 2019, 18:42

Cento anni Amma, Elkann: "Torino ha le carte giuste per un ruolo importante nel mondo dell'auto del futuro"

Il presidente di FCA, Exor e Ferrari: "Nel 2020 via alla produzione della 500 elettrica a Mirafiori"

Cento anni Amma, Elkann: "Torino ha le carte giuste per un ruolo importante nel mondo dell'auto del futuro"

Strette di mano e ringraziamenti, tra John Elkann e Giorgio Marsiaj, quando alle celebrazioni per i 100 anni di Amma prende la parola il presidente di FCA, di Ferrari e di Exor.

"Ci sono tre rivoluzioni in atto - esordisce John Elkann -: una digitale, una elettrica e una di guida autonoma: i prossimi 20 anni determinanti per ridisegnare settore auto, grande opportunità per FCA e per le aziende della filiera. Sono convinto che questa carica di innovazione sia una sfida per tutti noi, per FCA e per tutto il distretto della meccanica".

"Se la affrontiamo in modo pragmatico e coraggioso allo stesso tempo, può diventare una delle più grandi opportunità per crescere, evolvere e proiettare le nostre aziende nel futuro - prosegue il massimo esponente di FCA -. E il nostro piano industriale dà 5 miliardi è focalizzato proprio su vetture elettriche o ibride plugin. Sono stati avviati a Mirafiori i lavori per installare la linea della nuova 500 Elettrica, che arriverà alla produzione nei primi mesi del prossimo anno. Ma la prima generazione della 500 elettrica l'abbiamo lanciata sette anni fa, in California, e oggi è tra le vetture elettriche più vendute degli Stati Uniti. La Pacifica ibrida, poi, è stata il primo minivan elettrico del settore, continua a ricevere premi come migliore motore elettrico ed è anche la quarta vettura ibrida plug-in più venduta degli Stati Uniti. Questa è l'esperienza che useremo, qui in Italia, per produrre le vetture ecologiche previste nel nostro piano industriale".

"Sono grandi opportunità per chi avrà la capacità di lanciarsi, senza timori o timidezze. E l'unico modo che abbiamo di celebrare traguardi come quello dell'Amma o il nostro, imminente, dei 120 anni di FCA, è di guardare al futuro. Perché ci siano nuovi traguardi da celebrare".

Centoventi, come il nome dell'auto presentata da FCA all'ultimo salone di Ginevra. "È un omaggio ai nostri 120 anni, ma racchiude anche la nostra visione della mobilità del futuro. E' una vettura elettrica, totalmente connessa, rispettosa dell'ambiente, modulabile e configurabile, con livelli di personalizzazione al dettaglio. E' pensata per il futuro di una metropoli moderna. Soprattutto, racchiude lo stato dell'arte dei trend tecnologici e li rende accessibili alla maggior parte della popolazione. Siamo convinti che una rivoluzione tecnologica abbia senso se va a beneficio non solo dello sviluppo industriale ma anche della società nel suo insieme. Una rivoluzione tecnologica ha senso se va a beneficio della società nel suo insieme".

Ma il discorso si amplia: "La sostenibilità non riguarda solo l'azienda ma anche tutte le persone che lavorano per noi in giro per il mondo, ma anche i nostri fornitori e clienti. Questo è il senso del progetto che realizzeremo con il CERN di Ginevra, che permetterà a oltre 300mila persone ogni anno di capire, proprio grazie alla tecnologia, come funziona il nostro mondo, grazie alla fisica e in generale alle scienze. Anche le altre iniziative che stiamo sostenendo -  come la scuola di imprenditorialità creata dalla Fondazione Agnelli e da altri 6 Partner locali, e come l'Italian Tech Week, che vedrà la luce il tra poco più di un mese qui a Torino – hanno lo stesso obiettivo: avvicinare i giovani, e non solo, alla tecnologia, perché possano migliorare il loro mondo con strumenti nuovi e utili".

"Torino ha carte giuste per avere ruolo attivo nel settore auto del futuro, così come nella nostra comunità, a condizione che abbracci senza paure o riserve le sfide dell'innovazione con la prospettiva e il coraggio di chi guarda lontano".

Massimiliano Sciullo

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium