/ Scuola e formazione

Che tempo fa

Cerca nel web

Scuola e formazione | 20 maggio 2019, 19:43

Hackathon Green Camp in Piemonte: la rivoluzione 4.0 delle risorse umane

Parte venerdì 24 maggio e si conclude domenica 9 giugno la prima maratona on site per progettare e costruire una struttura out door al 100% ecosostenibile. Protagonisti i ragazzi del primo anno di ITS Energia Piemonte

Hackathon Green Camp in Piemonte: la rivoluzione 4.0 delle risorse umane

Sessanta studenti tra i 18 e i 24 anni, oltre 25 aziende partner, 96 ore di studio e lavoro suddivise in due week end (24-26 maggio e 7-9 giugno 2019), una cascina nell’astigiano attrezzata come schoole una sfida progettuale che porterà alla realizzazione di una struttura outdoor in legno al 100% ecosostenibile.

Queste le coordinate del primo Hackathon Green Camp, presentato oggi 20 maggio 2019 presso l’Environment Park di Torino e voluto da ITS Energia Piemonte, la fondazione ITS che con i suoi corsi di alta formazione post diploma risponde all’impellente necessità di formarefigure professionali in grado di supportare le aziende nella sfida dell’Industry 4.0.

L’Hackathon Green Camp è stato reso possibile grazie all’impegno della Fondazione ITS Energia Piemonte e al contributo di oltre 25 aziende, tra cuiVASS Technologies che ha messo a disposizione tecnologie e attrezzature, oltre alla schoolsulle colline astigiane, a Cellarengo,dove verrà allestito anche il campo in cui pernotteranno i ragazzi. Environment Park, parco tecnologico torinese, ha messo a disposizionela propria consulenza e il proprio network per la realizzazione del progetto.

Ispirato al modello delle convention americane che coinvolgono sviluppatori ed esperti di programmazione in cerca di soluzioni a problemi informatici, l’Hackathon Green Campsi rivolge agli studenti del primo anno dei corsi ITS di BUILDING MANAGER – Tecnico superiore per il risparmio energetico nell’edilizia sostenibile e di ENERGY MANAGER – Tecnico superiore per la gestione e verifica degli impianti energetici.

Nel primo week end, la sera di venerdì 24 maggio, verranno svelati ai ragazzi i temi del progetto a cui dovranno lavorare, suddivisi in due squadre. Durante la maratona i ragazzi avranno modo di confrontarsi con 40 esperti, tutti professionisti di settore (ricercatori, imprenditori, architetti, ingegneri, carpentieri, impiantisti), e con le aziende partner, per una full immersion di due week endesclusivamente inlingua inglese. A disposizione avranno materiali di livello, tra cui una Materioteca, una Biblioteca, un Drone, visori VR, computer, proiettori, una stampante 3D e strumenti per la prototipazione. Al loro fianco ci saranno le “Camp’sAngels”, 7 professioniste internazionali di ETF EuropeanTraining Foundation di Torino, l’agenzia dell’Unione Europea specializzata nel riformare i sistemi di istruzione, formazione professionale e del mercato del lavoro. Nelle due settimane successive una giuria di esperti del settore decreterà il progetto vincitore, che verrà realizzato da tutti i partecipanti nel week end finale del 7-9 giugno. In questa occasione la location sarà aperta anche al pubblico per poter assistere alla realizzazione della struttura.

"L’esperienza - ha spiegato Sergio Califano, presidente di Fondazione ITS - rappresentail momento più alto e suggestivo di un percorso ITS perché lo differenzia rispetto al modello accademico basato sugli aspetti teorico-concettuali della ricerca e della didattica e ne dimostra le potenzialità dando forme ed evidenze allo spirito del legislatore".

"Le nuove opportunità per un futuro più sostenibile passano inevitabilmente da progetti di questo tipo rivolti ai più giovani, attraverso percorsi di formazione e occasioni concrete di inserimento nel mondo del lavoro con specializzazioni green – Ha dichiarato Davide Canavesio, Amministratore Delegato di Environment Park– 'Come Parco tecnologico focalizzato nel settore delle tematiche ambientali siamo onorati di prendere parte all’Hackaton Green Camp: una delle tante iniziative che ci vede coinvolti in prima persona nel mettere a disposizione delle nuove generazioni le nostre conoscenze e fare incontrare le aziende del settore con potenziali nuove risorse professionali da far crescere e specializzare". 

L’obiettivo dei corsi ITS, infatti, è di fornire ai partecipanti un contesto di apprendimento articolato in forma paritetica tra aula, laboratorio e pratica all'interno di un ambiente di lavoro, con l'impiego di figure altamente specializzate. "Lavalutazione dei risultati di apprendimento– ha continuato il presidente Califano – è centrata sull'esperienza concreta con focalizzazione sulla ricerca applicata.Nello scenario di sistema il connubio tra istruzione terziaria non accademica e ricerca applicata costituisce uno dei principali elementi per il successo formativo dei percorsi ITS».Si tratta dunque di unconcept di formazione fortemente innovativo per la rivoluzione 4.0 delle risorse umane. L’esperienza darà modo ai ragazzi di entrare in contatto diretto con le aziende partner, non solo durante le fasi di progettazione, ma anche attraverso momenti dedicati, così da farsi conoscere e proporsi per successive esperienze lavorative. Tutto ciò per facilitare la creazione di un vero e proprio Business Network. Questo in linea con il principale obiettivo del sistema Fondazione ITS, ovvero massimizzare il potenziale di occupazione dei propri studenti. Secondo le rilevazioni per il 2018, infatti, quasi l’85% degli allievi ha trovato un occupazione al termine dei corsi e il quasi il 90% l’ha trovata in un ambito coerente con le competenze acquisite.

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium