/ Politica

Politica | 26 maggio 2019, 14:35

L’UE nella carovana del Giro d’Italia a Ivrea, Gaudina: “Iniziativa di grande successo, la replicheremo”

Il capo rappresentanza a Milano della Commissione Europea soddisfatto dell’entusiasmo raccolto nelle tappe piemontesi: “Abbiamo raccontato ai cittadini cosa fa l’UE”

L’UE nella carovana del Giro d’Italia a Ivrea, Gaudina: “Iniziativa di grande successo, la replicheremo”

 La quindicesima tappa del Giro d’Italia con partenza da Ivrea è l’ultima tappa piemontese della corsa rosa. A lasciare il Piemonte, oltre al serpentone di ciclisti, anche il camper blu della Commissione Europea, che quest’anno fa parte della carovana e che in questi giorni ha girato il territorio incontrando i cittadini, raccogliendone le istanze e raccontando loro quanto fatto dall’UE in Piemonte.

Ed è proprio da piazza Rondolino, sede del villaggio rosa e punto di partenza dei corridori che Massimo Gaudina, capo rappresentanza a Milano della Commissione Europea, ha voluto fare il punto sul valore dell’iniziativa sperimentata in quest’edizione del Giro d’Italia: “Il Piemonte ha risposto come sempre in maniera appassionante al Giro d’Italia. Il Camper europeo è stato accolto con entusiasmo, ci sono state rivolte tante domande - ha spiegato Gaudina - C’è stata tanta curiosità nel capire cos’ha fatto l’Europa lungo l’itinerario del giro qui in Piemonte: questo è stato il lato più interessante”.

Un tour informativo, quindi, per spiegare alla popolazione in che modo l’Europa partecipa concretamente alla vita dei cittadini. Un esempio concreto? A rivelarlo è lo stesso Gaudina: “Qui a Ivrea l’UE ha finanziato il bio-industry park di Colleretto Gaicosa”. Un investimento sul territorio che sta già raccogliendo i suoi frutti, coniugando alla perfezione tecnologia, industria e ambiente, nel nome dello sviluppo sostenibile. 

Ecco perché, visto il forte valore formativo della partecipazione dell’UE al Giro d’Italia, Gaudina non esclude che la sperimentazione possa essere riproposta nelle future edizioni: “L’intenzione è di continuare, è un modo che funzione per avvicinare la popolazione all’Europa attraverso un canale nuovo. I cittadini capiscono che l’Europa è presente in tutti i territori, non soltanto nei palazzi di Bruxelles”.

Andrea Parisotto

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium