/ Attualità

Attualità | 09 novembre 2019, 15:30

L'Associazione Tram Storici: “Una festa per i 150 anni della prima vettura torinese”

L'organizzazione, che conta più di 800 soci tra cui Gtt, per la ricorrenza del 2021 propone una grande manifestazione e la creazione di un museo del trasporto su ferro

L'Associazione Tram Storici: “Una festa per i 150 anni della prima vettura torinese”

L'Associazione Torinese Tram Storici ha chiesto ufficialmente alla Città di Torino l'organizzazione di una grande manifestazione per celebrare i 150 anni del primo tram trainato da cavalli, inaugurato il 29 dicembre del 1871, e la creazione di un museo del trasporto su ferro con sede nell'attuale comprensorio di Corso Giulio Cesare 15.

L'organizzazione, attiva da undici anni e capace di contare più di 800 soci tra persone fisiche e giuridiche tra cui Gtt, nel corso di una Commissione a Palazzo Civico ha presentato il proprio programma di attività esponendo nel dettaglio le due proposte: per quanto riguarda l'evento, l'idea è quella di realizzare diverse iniziative tra cui la presentazione dei nuovi tram Hitachi, una conferenza sui trasporti tranviari con ospiti internazionali, una grande parata di tram storici per le vie del centro.

E ancora, la circolazione del primo tram a cavalli in un tratto non utilizzato dal normale trasporto pubblico (attualmente ospitato a Sassi), una giornata a porte aperte nei depositi cittadini, la pubblicazione di un nuovo libro storico sui trasporti tranviari e la pubblicizzazione degli eventi in ottica turistica.

Sul museo le idee sono altrettanto chiare: la location di Ponte Mosca, attuale sede del Museo Ferroviario Piemontese, è infatti in posizione centrale, è di proprietà pubblica, ospita cimeli storici e sarebbe facilmente collegabile alla rete tranviaria cittadina. Nello specifico, ATTS propone la realizzazione di attività di rimessaggio di tutti i tram storici dispersi nei vari siti GTT, l'esposizione di cimeli storici e plastici tranviari e ferroviari, la predisposizione di un archivio storico dei trasporti, un'accademia del restauro e il coinvolgimento di scuole, università e altri enti di formazione.

Tra le attività “tradizionali” svolte dall'associazione, non vanno dimenticate l'organizzazione di eventi come il Trolley Festival (in programma il 1° dicembre), le uscite con mezzi storici, i tour per scuole enti e associazioni, l'acquisizione e il restauro di veicoli storici, la gestione dell'archivio storico, la pubblicazione di libri e riviste, la conservazione di cimeli, il modellismo con la partecipazione a saloni nazionali e internazionali e attività conviviali come le serate tematiche o le gite sociali in città tranviarie con vere e proprie visite tecniche.

Marco Berton

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium