/ Politica

Politica | 11 novembre 2019, 17:44

Ferrero nel mirino della Sala Rossa per vicinanza agli occupanti della Cavallerizza Reale: "Non siano trattati come antagonisti"

La vicepresidente si è giustificata dicendo di essere spiaciuta "di aver creato fraintendimento sulla mia carica partecipando al tavolo, anche se con presenza muta"

Ferrero nel mirino della Sala Rossa per vicinanza agli occupanti della Cavallerizza Reale: "Non siano trattati come antagonisti"

Dopo gli attacchi negli scorsi giorni sui giornali, la vicepresidente della Sala Rossa Viviana Ferrero finisce nel mirino della maggioranza e della minoranza per la presenza all'incontro sulla Cavallerizza Reale affianco agli occupanti.

La sindaca Chiara Appendino, così come la capogruppo comunale del M5S Valentina Sganga, oggi in Consiglio Comunale hanno bollato come "inopportuna" la sua partecipazione al confronto insieme al collega Damiano Carretto. La minoranza ha attaccato la "dissidente" per essersi seduta al tavolo, mancando di rispetto al ruolo istituzionale di vicepresidente.

Ferrero in Sala Rossa si è difesa, dicendo di essere spiaciuta "di aver creato fraintendimento sulla mia carica partecipando al tavolo, anche se con presenza muta". "L'assemblea spontanea aperta a tutti - ha aggiunto - perfino ai consiglieri comunali eletti quale la sottoscritta, non può essere trattata dall'amministrazione come una entità antagonista. Ma come un tentativo magari imperfetto, in ogni caso innovativo, di evoluzione democratica".

Per la consigliera del M5S ridurre l'Assemblea 14.45 a un problema "di ordine pubblico e di burocrazia giuridica significa, soprattutto, svalutare la politica stessa" .

Cinzia Gatti

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium