/ Attualità

Attualità | 14 novembre 2019, 13:03

Cittadinanza onoraria di Chieri e Torino a Liliana Segre

La vicecapogruppo del Pd Foglietta: "Non si può restare indifferenti". Favorevole anche Roberto Rosso (FdI): "Ma la commissione che porterà il suo nome sia equidistante"

Cittadinanza onoraria di Chieri e Torino a Liliana Segre

Conferire la cittadinanza onoraria di Torino a Liliana Segre. È questa la richiesta contenuta nella mozione depositata, questa mattina, dalla vicecapogruppo del Pd Chiara Foglietta. Un gesto simbolico a sostegno della senatrice a vita - ora sotto scorta delle forze dell'ordine dopo gli attacchi ricevuti - condiviso anche dai Moderati, M5S, ConCi, lista civica per Torino e Torino in Comune. A dire sì anche il capogruppo comunale della Lega Fabrizio Ricca, auspicando che questo "gesto elimini le tante ambiguità contro il popolo ebraico e israeliano presenti in città e fomentate da aree politiche insospettabili".

"Non si può restare indifferenti", spiega Foglietta, aggiungendo come la richiesta di cittadinanza onoraria per Segre "riaffermi da che parte stiamo, da che parte sta Torino, una città che ha ricevuto la medaglia d'oro al valore militare per l'alto sacrificio nella Resistenza e nella lotta di Liberazione dal nazifascismo". "Liliana - continua la vicecapogruppo del Pd - ci ha insegnato a non restare indifferenti rispetto all'imbarbarimento e alla violenza che sempre si riaffacciano nella storia e a non coltivare sentimenti di odio anche nei confronti di chi è responsabile della nostra e dell'altrui sofferenza".

Negli scorsi giorni il collega Mimmo Carretta si era attivato per la creazione a Torino di una Commissione Segre contro l'odio. Il capoluogo piemontese aderirà poi alla manifestazione a sostegno della Segre, prevista il 10 dicembre a Milano.

Iniziativa in parallelo a quella del comune di Chieri, dove i consiglieri comunali Tommaso Varaldo e Rachele Sacco hanno chiesto di conferire la cittadinanza onoraria alla senatrice a vita "instancabile e preziosa testimonianza di una delle barbarie più tragiche della storia". Una proposta accolta dal sindaco Alessandro Sicchiero, che ha dichiarato: "Abbiamo ritenuto urgente e necessario assumere un’iniziativa per dimostrare la vicinanza e la solidarietà ad una straordinaria testimone quale è Liliana Segre, e come ferma risposta che tutte le istituzioni sono chiamate a dare di fronte ai pericolosi rigurgiti antisemiti e al diffondersi di sentimenti e comportamenti intolleranti e violenti".

Il Capogruppo di Fratelli d’Italia al Consiglio Comunale di Torino e Assessore della Regione Piemonte Roberto Rosso sulla questione ha dichiarato: "Condivido la proposta del Pd di concedere alla senatrice Liliana Segre la cittadinanza onoraria di Torino. È un gesto doveroso per il valore simbolico che la sua figura riveste per l’intero Paese. La sua storia personale e la sua onestà intellettuale devono poter essere un’effettiva garanzia che la Commissione che porta il suo nome saprà essere obbiettiva ed equidistante nella condanna degli episodi di odio e intolleranza verso chiunque".

Cinzia Gatti

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium