/ Eventi

Eventi | 30 novembre 2019, 11:33

Saturdays for Future, per promuovere modelli di produzione e consumo sostenibili

Torino in prima linea per promuovere una nuova cultura del cibo ed uno stile di vita all’insegna della sostenibilità

Saturdays for Future, per promuovere modelli di produzione e consumo sostenibili

Il sabato, notoriamente per molti italiani, il giorno dedicato alla famiglia, ma soprattutto alla spesa per la settimana, dovrà diventare un appuntamento con la sostenibilità.

E’quanto vorrebbero ottenere i Saturdays for Future, che con il loro secondo appuntamento cercheranno di sensibilizzare l’opinione pubblica sugli sprechi alimentari. Si faranno infatti  promotori di un’iniziativa alquanto significativa

L’appuntamento è sabato 30 novembre in tutta Italia. Si tratta di una data significativa poiché è immediatamente successiva alla mobilitazione dei Fridays for Future fatta in concomitanza del Black fridays contro il consumismo ed uno stile di vita insostenibile per il pianeta.

Il 30 novembre poi è abbastanza vicino al momento in cui si scatenerà lo shopping natalizio e prima che sia troppo tardi, potrà dunque essere un’occasione per riflettere sugli sprechi, ridurre al minimo i rifiuti, e scegliere in modo responsabile i prodotti da acquistare.

Il Saturdays for Future che nasce da un’intuizione del portavoce dell’Alleanza italiana per lo sviluppo sostenibile (Asvis) Enrico Giovannini e del presidente del comitato scientifico di NeXt Leonardo Becchetti mira dunque a promuovere una maggiore presa di coscienza sulla sostenibilità dei modelli di produzione e consumo

Torino sarà protagonista anche di questo secondo appuntamento con diverse iniziative.

Per partecipare attivamente al Saturdays for Future ci si potrà recare nei punti vendita Coop aderenti, dove i bambini e i ragazzi che con le loro classi hanno seguito il progetto www.saperecoop.it, si cimenteranno in attività e laboratori tra le corsie dei super market. Avranno così modo di riflettere su tematiche quali l’ la trasparenza delle filiere, l’economia circolare, il rispetto dei diritti,nella consapevolezza che le scelte che attiviamo nella nostra quotidianità possano davvero ambiare il mondo. Si potrà ancora dare il proprio contributo facendo la spesa per chi non può permetterselo  con la Colletta Alimentare. Sarà l’occasione giusta per riflettere sul  problema della povertà alimentare facendo allo stesso tempo un gesto concreto di gratuità e di condivisione. Alla Colletta Alimentare (GNCA), promossa dalla Fondazione Banco Alimentare parteciperanno 13.000 punti vendita in tutta Italia. L’Enel contribuirà invece trasmettendo nei propri  Negozi presenti sul territorio nazionale il video della campagna ASviS Saturdays for future e grazie all’ affissione materiale informativo.

Importante per abbracciare nuovi modelli comportamentali anche l’apporto offerto da Junker, la App che aiuta a fare la differenziata. Basterà scansionare con lo smartphone il codice a barre del prodotto da gettare nella pattumiera, e Junker suggerirà tutte le informazioni necessarie sullo smaltimento. L’applicazione è gratuita e disponibile per sistemi iOs e Android.

L'associazione Il Nostro Pianeta, infine lancia un contest online su Facebook e Instagram dal titolo “#SiPuoFare” con lo scopo di promuovere la riflessione e la pratica di piccole “buone azioni” in particolare su tre dei Goals dell’ONU: 12(consumo e produzione responsabili), 13 (lotta ai cambiamenti climatici) e 4 (istruzione di qualità).

E per rimanere sempre aggiornati non va dimenticato l’hastag  #SaturdaysforFuture da seguire su twitter e su instagram.

Maria La Calce

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium