/ Politica

Politica | 13 febbraio 2020, 17:43

Maggioranza spaccata sul Valentino: Ferrero attacca Iaria

La consigliera del M5S: "Nella delibera non viene sottolineata la destinazione ambientale del parco". Iaria annuncia: "Il 21 febbraio bando per la Rotonda"

Maggioranza spaccata sul Valentino: Ferrero attacca Iaria

La riqualificazione del Valentino, pensata dalla giunta Appendino, non piace a tutta la maggioranza. Dopo l'approvazione due giorni fa, da parte della sindaca di Torino e dei suoi assessori, della delibera con gli indirizzi per i bandi di concessione dei locali del parco, oggi la consigliera del M5S Viviana Ferrero ha contestato l'atto in commissione. 

"Nel documento - ha sottolineato criticamente "Vivi la Rossa" - manca l'apporto valoriale dato dalla mia mozione: non viene sottolineata la destinazione ambientale dell'area e la tutela del parco". L'atto di Ferrero chiedeva anche di togliere le strisce blu, di limitare il transito nel parco solo a persone strettamente autorizzate, di vietare il passaggio e la sosta dei veicoli in viale Boiardo e viale Marinai d'Italia, di istituire il comitato di gestione. La consigliera del M5S ha così chiesto una seconda delibera che "abbia un apporto valoriale".

L'assist di Ferrero è stato colto al volo dal capogruppo del Pd Stefano Lo Russo. Criticando l'assessore all'Urbanistica Antonino Iaria, l'esponente dem lo ha incalzato dicendo  "porti la delibera del Valentino in Sala Rossa e vediamo se davvero ha una maggioranza".

Parole a cui ha replicato Iaria precisando "non è vero che questo non risponde alle richieste della mozione di Ferrero: ci sono dei punti che verranno ripresi durante la progettazione". L'assessore all'Urbanistica ha poi annunciato che il 21 febbraio verrà pubblicato il primo bando per la concessione della Rotonda, poi toccherà allo Chalet e al Fluido. 

"È molto strano - ha osservato Lo Russo, che ieri ha annunciato un'interpellanza sul tema- che la Rotonda, l'unica compresa nel masterplan di riqualificazione di Torino Esposizioni e ignorata da tempo, vada improvvisamente a gara". Il capogruppo del Pd - insieme alla collega Maria Grazia Grippo e la capogruppo di Rinascita Torino Federica Scanderebech - hanno invece sollevato dubbi sull'opportunità di fare prima i bandi e poi il piano per il parco.

"Rischiamo che qualche imprenditore si senta frenato dal partecipare non sapendo se la vocazione futura del Valentino sarà compatibile con la sua attività", hanno concluso gli esponenti di minoranza.

Così invece Silvio Magliano dei Moderati: "I bandi per la gestione della Rotonda, dello Chalet e del Fluido saranno pronti a breve ma non c'è traccia, ancora, di linee guida programmatiche chiare per quanto riguarda la futura vocazione del parco".

 

Cinzia Gatti

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium