/ Politica

Politica | 14 febbraio 2020, 17:17

Vicenda Salone del Libro, la difesa di Fassino: "Nessun trattamento di favore per Intesa Sanpaolo"

L'ex sindaco di Torino è uno dei 24 imputati per i quali la procura ha chiesto il rinvio a giudizio

Vicenda Salone del Libro, la difesa di Fassino: "Nessun trattamento di favore per Intesa Sanpaolo"

Nella vicenda del Salone del Libro "non ci furono rapporti privilegiati con Intesa Sanpaolo" e tutto venne fatto "nella massima correttezza e nell'esclusivo interesse della Fondazione". E' quanto ha affermato l'avvocato Nicola Gianaria in difesa dell'ex sindaco di Torino Piero Fassino.

Oggi in tribunale è ripresa l'udienza preliminare per l'inchiesta sulla vecchia gestione della kermesse libraria. Fassino è uno dei 24 imputati per i quali la procura di Torino ha chiesto il rinvio a giudizio.

"In quel periodo - ha detto Gianaria - era in corso la ricerca di nuovi soci per la Fondazione, che era in forte perdita. Fassino si adoperò per trovarne, prendendo contatto con diversi soggetti. Se si parla di rapporto privilegiato con Intesa SanPaolo, allora si deve parlare di rapporti privilegiati anche con Unicredit o con i Ministeri della cultura e dell'istruzione".

Gianaria ha sottolineato che, successivamente, la bozza della convenzione (alla cui stesura Fassino non partecipò) non assicurò alcun vantaggio a Intesa Sanpaolo "perché, come dimostrano i documenti e gli scambi di email, si limitava a regolare i rapporti con i futuri nuovi soci".

redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium