/ Scuola e formazione

Scuola e formazione | 21 gennaio 2018, 19:04

La Biblioteca Mirafiori si prepara al trasloco: quasi 20mila i volumi da spostare

Dopo la scadenza della convenzione con l'Istituto Primo Levi, il Comune ha proposto dei nuovi locali in un'altra scuola

La Biblioteca Mirafiori si prepara al trasloco: quasi 20mila i volumi da spostare

È stato il primo centro di consultazione e prestito libri aperto nel 1999 a Mirafiori Sud, dove prima non esisteva neanche l'ombra di questo genere di servizi. Si è insediata in un'area dell'Istituto Primo Levi, in corso Unione Sovietica 490, concessa in comodato dall'allora Provincia alla Città di Torino, per un totale di 320 mq. Ora per la Biblioteca Mirafiori non c'è più posto: il boom di iscrizioni alla scuola superiore – soprattutto dovuto all'introduzione di un nuovo indirizzo di studi, il liceo sportivo – ha determinato, all'inizio di quest'anno scolastico, la necessità di ricavare altre aule riorganizzando la distribuzione degli spazi.

Una questione che ha visto interagire a livello istituzionale in primis la Città metropolitana, poiché la scuola è di sua competenza, e, a scendere, l'amministrazione della Circoscrizione 2, che ha verificato verso la fine dell'anno l'eventuale disponibilità di locali vuoti in cui trasferire il servizio bibliotecario. Ma, dato l'esito negativo, la palla è passata al Comune, che ha trovato come possibile destinazione, sempre nello stesso quartiere, l'Istituto comprensivo Strada Castello di Mirafiori.

“Dubito che la questione possa risolversi con questo trasferimento”, ha commentato Barbara Azzarà, consigliera delegata della Città metropolitana all'istruzione e formazione professionale. “La scuola è sempre di nostra competenza e al momento risulta l'unica struttura in grado di ospitare la biblioteca, poiché la Circoscrizione 2 ha dichiarato di non averne altre a disposizione. Non vorrei che poi si riproponesse lo stesso problema: la necessità di spazi utili alla didattica a discapito dell'attività bibliotecaria”.

Intanto gli operatori della Biblioteca Mirafiori attendono di effettuare un sopralluogo della scuola. Si tratta di ricollocare circa 20mila libri e oltre 5mila audiovisivi in uno spazio che potrebbe non essere del tutto adeguato. “La circoscrizione si è resa disponibile a minimizzare i disagi il più possibile”, spiega Luca Vittonetto della posizione organizzativa, “ma vogliamo comunque continuare a verificare se in zona esistano altri locali. E ci preme soprattutto sapere se abbiamo le risorse economiche necessarie per portare a termine il trasloco”.

Nel frattempo non si fermano le attività proposte per favorire la lettura, in sinergia con la Biblioteca Cesare Pavese di via Candiolo, che opera sullo stesso territorio. In particolare, la Mirafiori organizza il giovedì un appuntamento con il knit-point per imparare in gruppo tecniche e punti di maglieria, rilassarsi creando qualcosa di personale e ascoltando racconti letti ad alta voce. Il venerdì, invece, è dedicato alle favole per bambini, mentre il maestro Giuseppe Capraro guida i più piccoli nella lettura dello spartito ed esecuzione con il flauto dolce.

Il prossimo evento sarà dedicato al Giorno della Memoria e si terrà alla Biblioteca Cesare Pavese.

Uno dei desideri dei responsabili della biblioteca è proprio quello di avere a disposizione locali abbastanza capienti da ospitare attività di questo tipo, garantendo la giusta distinzione tra l'area di consultazione e l'area ragazzi.

Manuela Marascio

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium