/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 11 luglio 2019, 05:00

Torino, una delle location più richieste per fiction e serie tv

Solamente a dicembre e a gennaio, Torino è stata invasa di richieste per poter girare diverse produzioni

Torino, una delle location più richieste per fiction e serie tv

Solamente a dicembre e a gennaio, Torino è stata invasa di richieste per poter girare diverse produzioni. Non si tratta unicamente di film, ma anche e soprattutto di fiction e di serie tv. Basti pensare come il supporto di Film Commission Piemonte, sia arrivato perfino alla famosissima serie tv inglese “A Discovery of Witches”, che è stata prodotta da parte di Bad Wolf per Sky. Una serie che è arrivata alla sua seconda stagione e che il pubblico italiano ha cominciato ad ammirare dal 29 gennaio in avanti.

Nello scorso mese di novembre, invece, Torino ha fatto da location esclusiva della ben nota serie tv “Giustizia per Tutti”, in cui l’attore protagonista è Raoul Bova e narra la complicata quotidianità di uomo che è stato ritenuto colpevole, ingiustamente, di aver ucciso la moglie. Poche settimane dopo, invece, è andata in onda su Rai Uno la fiction “Ognuno è perfetto”, con Lele Vannoli, Cristiana Capotondi, Edoardo Leo, Nicole Grimaudo e Piera degli Esposti, che trae ispirazione dalla serie belga Tytgat Chocolat, in cui viene raccontata la vita di diversi ragazzi con la sindrome di Down.

Le serie tv e i casinò

Diverse produzioni, ovviamente, si sono spostate poi dalla capitale piemontese per avvicinarsi ad altri punti di interesse nelle vicinanze, come ad esempio il Casinò di Saint Vincent, una spettacolare casa da gioco che è stata oggetto di un attento lavoro di ristrutturazione e rimodernamento che rientra nel più generale progetto Resort. Tante serie tv hanno scelto di puntare sul fascino del casinò per le proprie produzioni, anche se bisogna sottolineare come, al giorno d’oggi, siano le piattaforme di casinò online ad avere la meglio. Infatti, sono sempre di più i portali che permettono di giocare direttamente dal proprio pc o smartphone, senza alcun problema, con un accesso facile e immediato.

Una delle serie tv più amate, La casa di Carta

Quando si parla di serie tv, è impossibile non pensare ad una delle di quelle che ha appassionato di più in tutto il mondo. Stiamo facendo inevitabilmente riferimento alla produzione spagnola “La Casa di Carta”, che è giunta alla quarta stagione. Aspettando che quest’ultima venga finalmente trasmessa, ad inizio aprile l’appuntamento, ecco che L’insider ha voluto analizzare i numeri e i dettagli delle tematiche più importanti trattate all’interno della serie tv. Al momento, quest’ultima è composta da 30 episodi totali per le tre stagioni già trasmesse. Nelle prime due stagioni, in pochi sanno che gli episodi originali erano 15, della durata di circa 70 minuti l’uno, ma Netflix ha voluto ridurre la durata di ciascuna puntata a 40-50 minuti, con la pubblicazione di ben 22 episodi, di cui 13 nella prima parte e 9 nella seconda.

Quanto ci è voluto per le riprese di un episodio? Circa 22 giorni, con un totale di 660 giorni di riprese per la fine delle prime tre stagioni. La puntata pilot è stata registrata addirittura in 52 versioni differenti, mentre la distribuzione della serie tv ha raggiunto qualcosa come 196 nazioni. La terza stagione ha portato oltre 34 milioni di account Netflix differenti a seguirne le vicende nel giro di una settimana dalla sua pubblicazione. Infine, un altro record fenomenale: si tratta della serie tv non prodotta in lingua inglese più vista in tutto il pianeta su Netflix.

Richy Garino

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium