/ Cronaca

Cronaca | 16 dicembre 2019, 13:53

Ex combattenti torinesi in Siria: fra 90 giorni la decisione del tribunale sulla sorveglianza speciale [VIDEO]

La Procura ha chiesto di applicare la misura nei confronti di Jacopo Bindi, Paolo Andolina e Maria Edgarda Marcucci, che hanno combattuto l'Isis a fianco delle milizie curde

Ex combattenti torinesi in Siria: fra 90 giorni la decisione del tribunale sulla sorveglianza speciale [VIDEO]

 

Si saprà fra 90 giorni se a Jacopo Bindi, Paolo Andolina e Maria Edgarda Marcucci, i tre ragazzi torinesi che hanno combattuto l'Isis in Siria a fianco delle milizie curde verrà applicata la sorveglianza speciale, una misura di prevenzione che, fra le altre cose, vieterebbe loro di frequentare la città e partecipare alle manifestazioni pubbliche.

Il pubblico ministero Manuela Pedrotta sostiene che i tre potrebbero attuare in Italia le tecniche militari apprese combattendo a fianco delle milizie curde nel Rojava, regione a nord della Siria. Al termine dell'udienza Claudio Novaro, che difende i tre ragazzi, ha dichiarato che "i processi di prevenzione si fanno sulla base di accertamenti probatori pieni, non puoi imbastire un giudizio sulla base di elementi indiziali, bisogna accertare i fatti. Ho criticato l'impostazione della pubblica accusa ma in parte anche quella del tribunale, che ha ritenuto di dovere acquisire delle annotazioni di polizia e su queste costruire una piattaforma probatoria. La Cassazione e la Corte Costituzionale sono perentori, deve esserci un accertamento pieno, altrimenti la misura di prevenzione non la puoi utilizzare. Due dei tre ragazzi sono incensurati, hanno dei carichi pendenti modestissimi, non si capisce perché si voglia applicare questa misura. In ogni caso abbiamo la.possibilità di impugnare la decisione del tribunale e andare in Cassazione. La partita è ancora lunga".

Poco prima lo stesso Novaro aveva ribadito dinanzi al giudice "l'assoluta sproporzione tra i fatti contestati e la sorveglianza civile proposta" che "sembra la misura piú prossima al confino di polizia adottato in epoca fascista". Novaro ha infine osservato che si tratta di persone che hanno costruito a Torino una rete di relazioni che, qualora la sorveglianza speciale venisse applicata, andrebbe smantellata. Una misura devastante per chi la riceve".

Per Jacopo Bindi, che come Andolina rischia un anno di sorveglianza speciale (per Marcucci il pm ha chiesto una misura di due anni) "questa è una vicenda assurda e indecente, un procedimento ideologico-politico che non si basa su accuse concrete".
A partire dalle 9 del mattino di fronte al tribunale si sono radunate un centinaio di persone che hanno mostrato uno striscione con la scritta "Noi stiamo con chi combatte l'Isis".

 

Marco Panzarella

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium