/ Attualità

Attualità | 12 gennaio 2020, 10:37

Osasco si mette in cammino per liberarsi dalla plastica usa e getta, usando anche i fondi dei matrimoni al Castello

Il Comune rifornisce di borracce gli alunni, gli uffici pubblici e i volontari, il prossimo passo sarà l’utilizzo di stoviglie biodegradabili per le feste

Le borracce donate dal Comune

Le borracce donate dal Comune

Una borraccia per ogni alunno della scuola primaria di Osasco. Il Comune le ha consegnate martedì 7 gennaio con il rientro dei bambini in aula dopo le vacanze natalizie e lo considera un primo passo per liberare il paese dai prodotti usa e getta in plastica. «Ne abbiamo donate un centinaio agli alunni delle 5 classi della scuola primaria e una quindicina alle insegnanti. In un’aula della scuola è stato quindi installato un distributore di acqua a cui tutti potranno attingere gratuitamente per riempirle. Vogliamo limitare in questo modo l’utilizzo di bottigliette di plastica» spiega il sindaco di Osasco, Adriano Miglio. Le borracce verranno consegnante anche ai dipendenti comunali e ai volontari del paese, come quelli che prestano servizio in biblioteca, gli addetti al trasporto di anziani e i nonni vigile, una cinquantina di persone in tutto.

«Ma andremo oltre, fornendo stoviglie in materiale biodegradabile per le feste di Osasco – aggiunge Miglio –, poiché non vogliamo più prodotti usa e getta in plastica nel paese». Il sindaco spiega come la spesa per fornire di borracce gli edifici pubblici e per le stoviglie biodegradabili sia stata moderata: «Si tratta di una cifra più che abbordabile per un bilancio comunale, noi l’abbiamo coperta con alcuni risparmi e con gli introiti che entrano nelle casse del Comune, ad esempio per i matrimoni al Castello di Osasco».

Elisa Rollino

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium