/ Cronaca

Cronaca | 24 gennaio 2020, 17:48

Eternit: Schmidheiny rinviato a giudizio a Vercelli: dovrà rispondere di omicidio volontario

Nel maggio 2019 il Tribunale di Torino ha condannato il magnate belga a 4 anni di reclusione per omicidio colposo

Eternit: Schmidheiny rinviato a giudizio a Vercelli: dovrà rispondere di omicidio volontario

Il tribunale di Vercelli ha rinviato a giudizio con l'accusa di omicidio volontario il magnate belga dell'amianto Stephan Schmidheiny, ritenuto responsabile di centinaia di morti, tra ex lavoratori e residenti, mdeceduti tra il 1989 e gli anni Duemila nello stabilimento Eternit di Casale Monferrato per mesotelioma pleurico dovuto all’inalazione di fibre di amianto.

La prima udienza si terrà dinanzi la Corte d'Assise di Novara il 27 novembre 2020. Il 23 maggio 2019 Schmidheiny era stato condannato dal tribunale di Torino a 4 anni di reclusione per l'omicidio colposo di due operai dello stabilimento Eternit di Cavagnolo, Giulio Testore e Rita Rondano. Di recente il magnate ha rilasciato a un giornale svizzero frasi che hanno creato polemiche. "Quando oggi penso all’Italia - ha detto l'imprenditore - provo solo compassione per tutte le persone buone e oneste che sono costrette a vivere in questo Stato fallito".

Marco Panzarella

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium